Restiamo umani: l'abbraccio che umilia la xenofobia

Lei è Laura Rasero, una operatrice umanitaria. Lei è Oulai Esther una bambina della Costa d'Avorio di due anni

Laura Rasero e Oulai Esther

Laura Rasero e Oulai Esther

globalist 4 febbraio 2017

Lei è una operatrice umanitaria, che si chiama Laura Rasero. Lei è una bambina della Costa d'Avorio di due anni che si chiama Oulai Esther.
La piccola è stata salvata dalla Ong spagnola Proactiva Open Arms mentre, con altri migranti, era a bordo di una barca a vela finita alla deriva nel Mar Mediterraneo.
In quello sguardo c'è tutto. I muri li possiamo lasciare agli altri, che poi sono gli stessi che con le loro politiche hanno alimentato le guerre e la miseria da cui tanti fuggono.
Un bellissimo scatto di Emilio Morenatti.