A 12 anni ritrovato tra le feci: pesava 12 chili, arrestata la madre

La donna rischia 15 anni di carcere per maltrattamenti e abusi.

Una vicenda terribile di abusi

Una vicenda terribile di abusi

globalist 11 gennaio 2017

Una vicenda terribile, ma purtroppo non così infrequente: ha 12 anni e pesa 13 chili, quanto un normale bambino di due anni. Questo bambino ha vissuto per un anno in un sudicio bagno, segregato dalla madre in una casa di Toquerville, nello Utah. La donna rischia 15 anni di carcere per maltrattamenti e abusi. Il 17 gennaio sarà processata per direttissima.
È stato ritrovato domenica 8 gennaio in un grave stato di malnutrizione, sdraiato sul pavimento in mezzo alle sue feci. Nella stanza una webcam e una ricetrasmittente, che presumibilmente la donna usava per tenerlo sotto controllo. Il padre, il primo a scoprirlo, lo ha portato subito all’ospedale Dixie Regional Medical Center. Le sue condizioni sono critiche.
I fratellini del bambino sono stati affidati da tempo ai servizi sociali. Loro raccontano che questa situazione continuava da almeno un anno e che da sei mesi non gli parlavano più nemmeno dalla porta.
La madre sostiene che fosse il bambino a chiedere di dormire e vivere così, ma diversi elementi testimoniano condizioni disumane, come il blocco dell’interruttore della luce.