Trump sceglie Flynn l'islamofobo come Consigliere per la sicurezza

I democratici lo accusano di essere islamofobo e simpatizzante del presidente russo Vladimir Putin.

Michael Flynn

Michael Flynn

globalist 18 novembre 2016

Donald Trump ha offerto all'ex generale Michael Flynn il ruolo di Consigliere per la sicurezza nazionale. Il 57enne Flynn disprezza l'accordo sul nucleare iraniano e sposa una  strategia aggressiva nei confronti dell'Islam radicale. La nomina a consigliere per la sicurezza nazionale non richiede il via libera del Senato e ciò giocherebbe a suo favore perchè si tratta di un personaggio controverso. I democratici lo accusano di essere razzista e simpatizzante del presidente russo Vladimir Putin. Registrato tra gli elettori democratici, vanta 33 anni di carriera militare, con posizioni di primo piano, dalla guida di missioni Nato in Afghanistan e in Iraq fino alla direzione della Dia (Defence Intelligence Agency) dal 2012 al 2014, quando è stato licenziato dal presidente Barack Obama. 


https://i.guim.co.uk/img/media/cea216b7962ac6f98d7ff7959141b53f9a836f6f/0_235_3500_2100/master/3500.jpg?w=620&q=55&auto=format&usm=12&fit=max&s=bce85b672491517b028af54061493660


Nel suo saggio "The Field of Fight", scritto insieme allo storico Michael Ladeen, Flynn descrive se stesso come poco devoto al politicamente corretto e accusa Obama di avergli dato il benservito perché si era permesso di dire che gli Usa stavano perdendo terreno contro il terrorismo. Pochi minuti dopo la diffusione della notizia sul ruolo offerto all'ex generale, Yahoo News ha scritto che Flynn ha iniziato a ricevere i bollettini classificati sulla sicurezza nazionale dalla scorsa estate, mentre è titolare di una società di consulenza di intelligence che fornisce servizi a società straniere, la Flynn Intelligence Group (Fig), fondata nel 2014, dopo aver lasciato la Dia, insieme a  Bijan R. Kian,  figura di spicco della comunit iraniana negli Usa.


Intanto ha scelto Jeff Sessions come ministro della giustizia. Il senatore dell’Alabama, un ex procuratore, è stato uno dei suoi principali alleati durante la campagna elettorale e ha posizioni piuttosto dure sull’immigrazione.