Guarì dopo un pellegrinaggio a Lourdes: la Chiesa riconosce il miracolo

E' il settantesimo. Suor Bernadette, affetta da gravi patologie alla schiena, tornata a casa guarì in modo istantaneo e inspiegabile alla luce delle attuali conoscenze scientifiche

Suor Bernadette guarita a Lourdes

Suor Bernadette guarita a Lourdes

globalist 12 febbraio 2018

La Chiesa riconosce un nuovo miracolo a Lourdes, la guarigione di suor Bernadette Moriau nel 2008, ritenuto "inspiegabile, allo stato attuale delle conoscenze scientifiche", secondo il Comitato Medico Internazionale della città pirenaica.


Suor Bernadette Moriau, 69 anni, affetta da un grave disabilità, aveva recuperato nel 2008 tutte le sue facoltà fisiche dopo un pellegrinaggio a Lourdes. Ieri la sua guarigione è stato riconosciuta come "miracolosa" dal vescovo di Beauvais, mons.Benoît-Gonnin. Si tratta del settantesimo miracolo riconosciuto come tale nella città dei Pinerei culla del culto mariano. Per mons. Jacques Benoît-Gonnin ''la guarigione è stata improvvisa, istantanea, completa, duratura e rimane inspiegabile allo stato attuale delle conoscenze scientifiche''.
Suor Bernadette Moriau, nata 1939, entrò nel convento a 19 anni in una congregazione francescana e divenne un infermiera nel 1965. A causa di fortissimi dolori alla schiena non ha potuto esercitare la professione sin dall'età di 27 anni.
Nel luglio 2008, ha partecipato al pellegrinaggio a Lourdes della sua diocesi e ha ricevuto il sacramento degli ammalati. Al suo ritorno in Piccardia, 11 luglio 2008, "sentiva una sensazione insolita di relax e calore del suo corpo" e "percepito come una voce interiore che gli ha chiesto di rimuovere tutti i suoi dispositivi, corsetti e stecche''.Quello stesso giorno suor Bernadette Moriau ha interrotto tutti suoi trattamenti medici.
Le visite mediche cui è stata sottoposta da parte di equipe di tre diverse università sono giunte alla medesime conclusioni: una guarigione ''imprevediubile, istantanea, completa, duratura e inspiegabile''.
A cercare di contestare la natura miracolosa della guarigione è stato un medico italiano, il pediatra napoletano Alessandro Franciscis, che ricopre l'incarico di presidente dell'Ufficio delle constatazioni mediche di Lourdes-
''Sono l'avvocato del diavolo", dice spiegando che il suo lavoro è quello di cercare nella cartella clinica della persona 'guarita' elementi - neurologici, esami psichiatrici, medici - che confutino l'ipotesi di una guarigione miracolosa. "Il nostro modo di lavorare è molto rigido, non c'è posto per cose mirabolanti. Lourdes non è necessariamente riconosciuto come un luogo di guarigione. come un luogo di miracoli".
Sino ad oggi le guarigione legate a Lourdes sono state 7.200, ma solo 70 riconosciute come miracoli.

commenti