Trump dà l'assalto alla Palestina: o fate come dico io o vi taglio i fondi

Il miliardario della Casa Bianca dopo aver unilateralmente riconosciuto Gerusalemme come capitale pretende la resa senza condizioni dei palestinesi

Proteste contro Trump a Gerusalemme

Proteste contro Trump a Gerusalemme

globalist 3 gennaio 2018

Lui, il miliardario xenofobo che sta semore di più isolando gli Stati Uniti e che sulle forzature pro-Israele e anti-palestinesi si è trovato con soli 9 voti a favore mentre il resto del mondo ha detto a stra-grande maggioranza no è tornato a minacciare il popolo che non ha una Patria.
Adesso, dopo tutti gli affronti che hanno subito, per Donald Trump sono i palestinesi, 'rei' di non voler più negoziare la pace con Israele dopo che gli Usa hanno riconosciuto Gerusalemme come capitale di quel Paese.
«Non è solo al Pakistan - ha twittato il tycoon - che paghiamo miliardi di dollari per nulla, ma anche per molti altri Paesi. Ad esempio, paghiamo ai palestinesi centinaia di milioni di dollari all'anno e non otteniamo alcun apprezzamento o rispetto. Non vogliono neppure negoziare un trattato di pace con Israele necessario da molto tempo».
«Noi abbiamo tolto dal tavolo Gerusalemme, la parte più dura del negoziato, ma Israele, per questo, avrebbe dovuto pagare di più. Ma con i palestinesi non più desiderosi di colloqui di pace, perchè dovremmo fare loro uno qualsiasi di quei massicci pagamenti futuri?», ha minacciato.
I suoi tweet seguono i piani, rivelati poco prima dall'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley, di mettere fine ai finanziamenti all'agenzia dell'Onu che fornisce aiuti umanitari ai rifugiati palestinesi: gli Stati Uniti sono il maggior donatore, con un impegno di 370 milioni di dollari nel 2016.
La mossa rischia di incendiare ulteriormente il Medio Oriente e di alimentare l'anti americanismo in quella regione, dopo le proteste seguite alla decisione unilaterale della Casa Bianca su Gerusalemme. Una scelta sconfessata sonoramente prima dal Consiglio di sicurezza dell'Onu e poi dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, nonostante la minaccia del tycoon di segare gli aiuti ai Paesi che avrebbero votato contro gli Usa.
Ma Trump è passato subito ai fatti, tagliando all'Onu 285 milioni di dollari per il 2018 e il 2019. Poi è toccato al Pakistan per il suo «doppio gioco» con i terroristi: 255 milioni di dollari di aiuti in meno. Il risultato è una crisi diplomatica con un partner potenzialmente chiave nella lotta al terrorismo. Ma se nel caso del Pakistan la mossa di Trump sembra avere qualche buon fondamento, il ricatto ai palestinesi appare del tutto ingiustificato. Il loro rifiuto di sedersi ad un tavolo è solo la reazione ad una decisione a sorpresa americana sullo status di Gerusalemme che avrebbe dovuto far parte dei colloqui di pace e che è arrivata senza neppure essere accompagnata da un piano o una proposta di mediazione.
Sembra quasi che Trump, propostosi inizialmente come arbitro del conflitto, voglia dettare le condizioni ai palestinesi mettendoli di fronte a fatti compiuti e agitando il cordone della borsa.
Quella stessa borsa che, su un piano diverso, agita anche con gli alleati Nato quando reclama un aumento delle spese militari o con la Cina quando evoca guerre commerciali, per ora congelate in nome del nemico comune nordcoreano.