Israele ufficializza l'espulsione di 38 mila immigrati clandestini

A chi accetta, un biglietto aereo e 3000 euro. Per chi si rifiuta deportazione o carcere. Si tratta in grandissima maggioranza di eritrei e sudanesi arrivati intorno al 2007

Migranti in Israele

Migranti in Israele

globalist 3 gennaio 2018

Israele ha lanciato un programma di espulsione per decine di migliaia di migranti irregolari: quelli che accetteranno la proposta otterranno un biglietto aereo e l'equivalente di quasi tremila euro.
L'annuncio del progetto del governo israeliano è stato presentato oggi come un programma per indurre quasi 40.000 migranti irregolari a scegliere tra deportazione e carcere. Gli irregolari hanno tempo fino alla fine di marzo per lasciare Israele, altrimenti saranno imprigionati per un periodo indefinito.
Secondo le cifre del Ministero degli Interni, il programma riguarderebbe 38.000 persone, la maggior parte delle quali eritree e sudanesi.
In una dichiarazione, l'Ufficio dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha espresso la sua preoccupazione, ricordando in particolare che Israele aveva "obblighi giuridici in materia di protezione dei rifugiati". Tuttavia, poiché le autorità israeliane hanno assunto la responsabilità nel 2009 per determinare chi rientra in questa categoria, solo otto eritrei e due sudanesi hanno ottenuto lo status, ricorda l'UNHCR.
Come parte del suo programma di deportazione, il governo israeliano riconosce tacitamente che i cittadini di questi due Paesi non possono tornare a casa a causa della situazione politica nel loro paese. Ma, secondo le ONG israeliane che sostengono i migranti, Israele ha firmato accordi con Paesi terzi, in questo caso Ruanda e Uganda, affinchè accolgano i migranti volontari da Sudan ed Eritrea.
La maggior parte di questi migranti è entrata in Israele illegalmente attraverso il Sinai egiziano dal 2007. Questi arrivi di rifugiati sono stati rallentati dalla costruzione da parte del governo israeliano di una recinzione elettronica lungo il confine con l'Egitto.
Israele ha aperto centri di detenzione nel sud del Paese, dove circa 1.500 migranti sono in libertà vigilata. Queste istituzioni chiuderanno le loro porte e i migranti che si rifiutano di andarsene saranno trasferiti in prigione, hanno detto le autorità israeliane.
Dopo il 1 ° marzo, sarà ancora possibile per queste persone lasciare volontariamente Israele, ma verrà data una somma minore. Chi rifiuta sarà imprigionato, ha avvertito il Ministero degli Interni.
Secondo i dati ufficiali, 4.012 migranti irregolari hanno già lasciato Israele nel 2017, tra cui 3.332 provenienti dall'Africa sub-sahariana. Benjamin Netanyahu ha visitato South Tel Aviv alla fine di agosto, dove risiedono migliaia di migranti africani, impegnandosi a "restituire" la zona ai "cittadini israeliani".

commenti