Il Portogallo piange le vittime dell'incendio di Pedrógão: 62 morti, tra cui 4 bambini

Molti i carbonizzati nelle auto. Intere famiglie morte mentre cercavano di fuggire a piedi. Il governo di Lisbona ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale.

Una macchina coinvolta nell'incendio

Una macchina coinvolta nell'incendio

Desk2 19 giugno 2017

"Siano davanti alla maggiore tragedia con vittime umane degli ultimi tempi in un incidente di questo tipo", ha detto ieri  il premier portoghese Antonio Costa. E così è. Il maxi incendio della scorsa notte a Pedrogao Grande, zona nel centro del Paese, nella provincia di Leiria, a circa 160 chilometri da Lisbona, ha lasciato dietro di sè cenere e tantissime vittime. Almeno 62 morti, molti dei quali carbonizzati nelle auto. Altri sono stati uccisi mentre cercavano di fuggire a piedi. Famiglie intere sono morte così.  I feriti ancora ricoverati sono 50, di cui 5 gravi. Ma secondo il premier Antonio Costa "probabilmente" i soccorritori individueranno altre vittime. 


E tra le vittime ci sono almeno quattro bambini. Rodrigo, 4 anni, il primo identificato, poi c'è la piccola Bianca, anche lei di 4 anni che tentava di fuggire dalle fiamme con la nonna, e altri due bambini minori di 8 anni.


VIDEO: Portogallo, in fiamme la foresta di Pedrógão


In due auto ferme in mezzo ad una strada in un bosco sono stati trovati i cadaveri di 9 adulti e di due bambini.



La polizia giudiziaria ha escluso che ci sia una mano criminale dietro a questa tragedia. L'incendio sarebbe divampato a causa di un fulmine caduto su un albero, in mezzo ad una vegetazione secca per la mancanza di pioggia da giorni. La diffusione fulminea delle fiamme è stata propiziata dalle alte temperature, sui 40 gradi, e da venti violenti fino a 200 chilometri all'ora. Il Papa ieri mattina all'Angelus ha espresso vicinanza "al caro popolo portoghese" ed ha invitato i fedeli a pregare in silenzio per le vittime.


 


Oltre 1.500 vigili del fuoco hanno lavorato  nel disperato tentativo di spegnere l'incendio. Ad alimentare le fiamme che hanno colpito la zona boschiva di Pedrogao Grande a 150 km a nord di Lisbona, le alte temperature ed i forti venti.


Il governo di Lisbona ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale. "Le autorità portoghesi, con cui l'ambasciata d'Italia è in costante contatto, hanno escluso la presenza di italiani tra le vittime finora identificate". Lo riferisce la Farnesina.