Trump: gli Usa torneranno sulla Luna

Firmato il documento che definisce le nuove linee guida dell'esplorazione umana degli States

Trump alla Casa Bianca firma la Space Policy Directive 1. Crediti: NASA/Aubrey Gemignani

Trump alla Casa Bianca firma la Space Policy Directive 1. Crediti: NASA/Aubrey Gemignani

«Questa volta, non solo pianteremo la nostra bandiera e lasceremo le nostre impronte, ma getteremo le basi per una futura missione umana su Marte e forse, un giorno, verso altri mondi».


Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha commentato la firma del Policy Directive 1, documento che ridefinisce ufficialmente gli obiettivi Usa per l'esplorazione umana dello spazio. Parole, quelle di Trump, che fanno eco al discorso del suo vice, Mike Pence, che il 5 ottobre scorso, durante il primo meeeting del neo-ricostituito Space Council, aveva dettato le nuove linee guida della politica spaziale statunitense. Ne avevamo parlato qui su Global Science.


Con la sigla apposta ieri alla Casa Bianca, Trump sembra aver accolto appieno le indicazioni di Pence: «La direttiva che firmo oggi rifocalizzerà il programma spaziale americano sull'esplorazione e la scoperta umane», ha affermato il presidente Usa durante l'incontro, a cui hanno preso parte molti membri del Congresso, rappresentanti di altri governi e dell'industria, astronauti in attività e in pensione. «E segna un passo importante verso il ritorno degli astronauti americani sulla Luna per la prima volta dal 1972, in missioni di lungo termine».


Né Trump, né Pence, che pure ha preso la parola definendo la presenza americana sulla Luna «vitale per raggiungere gli obiettivi strategici delineati dallo Space Council», hanno però fornito ulteriori dettagli su quando e come ciò accadrà. Né hanno dato indicazioni di budget.


La Nasa, in una nota pubblicata sul proprio sito, ha definitivo lo Space Directive 1 «un documento che cambia la politica spaziale prevedendo un programma a guida nazionale integrato con partnership del settore privato per un ritorno umano sulla Luna, seguito da missioni su Marte e oltre».


L'Agenzia, rappresentata dall'amministratore Robert Lightfoot, si è detta pronta a sostenere la direttiva del presidente.


L'allineamento alla Policy Directive 1, si legge sul sito dell'Agenzia, si rifletterà nella richiesta di bilancio Nasa per l'anno fiscale 2019 del prossimo anno.


 


Guarda il video (in inglese)


 






 


 

commenti