Boldrini scrive a Zuckerberg: troppa violenza su Facebook

La presidente della Camera ha detto: "Una ricerca dell' Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha catalogato 300 pagine che su Facebook esaltano il fascismo"

Boldrini

Boldrini

globalist 13 febbraio 2017

La presidente della Camera, Laura Boldrini, in una lettera al numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, ha espresso la sua preoccupazione: "Per il dilagare dell'odio nel discorso pubblico. Fenomeno non generato certo dai social network, ma che in essi ha un veicolo di diffusione potenzialmente universale. Questo dev'essere quindi per tutti il tempo della responsabilità: tanto maggiore quanto più grande è il potere di cui si dispone. E il suo è notevole". 


"Una ricerca dell' Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha catalogato 300 pagine che su Facebook esaltano il fascismo. L'apologia del fascismo da noi è un reato, ma i rappresentanti italiani della sua azienda - ha spiegato la presidente in uno dei passaggi della lettera - rispondono che non è compreso nelle regole di Facebook e che 'gli standard della comunità devono poter valere in ogni Paese'". "Parlano chiaro i dati di applicazione del codice di condotta contro 'la diffusione dell'illecito incitamento all'odio in Europa', che anche la sua azienda ha sottoscritto a maggio 2016 con la commissione Ue - aggiunge la Boldrini -. La prima verifica semestrale dice che risulta cancellato appena il 28% dei contenuti segnalati come discriminatori o razzisti. Una media che si ricava dal 50% di Germania e Francia e dal misero 4% italiano. Mi domando se questo dato allarmante lo dobbiamo anche all'assenza di un ufficio operativo di Facebook in Italia". Il nostro Paese, ha aggiunto Boldrini, "sconta scarsa collaborazione da parte della sua azienda anche sul fronte della disinformazione, al contrario di quanto avviene in Germania o in Francia".