Consigliere regionale sardo critica Salvini: espulso dal Psd'Az alleato della Lega

L'uomo, ex dirigente del Partito sardo d'azione, aveva preso le distanze dal ministro dell'Interno. Ieri la nota del partito che comunica l'espulsione

La bandiera dei 4 mori, simbolo della Sardegna

La bandiera dei 4 mori, simbolo della Sardegna

globalist 13 giugno 2018

Il Partito sardo d'azione ha ritirato la tessera ad Angelo Carta, storico dirigente del partito, ex sindaco di Dorgali e attualmente consigliere regionale in Sardegna. La decisione è stata comunicata dalla direzione ieri sera: “Angelo Carta non può fregiarsi della qualifica di sardista - si legge in una nota  - per oggettiva incompatibilità della permanenza tra gli iscritti".


La "colpa" del consigliere, come racconta il quotidiano Sardinia Post, è stata quella di aver criticato il ministro dell'Interno ieri mattina durante un intervento nell'aula del consiglio regionale della Sardegna, a Cagliari. 


Il Partito sardo d'azione è stato fondato nell'Isola nel 1921 da Davide Cova, Camillo Bellieni, Emilio Lussu e altri ex-combattenti della Prima guerra mondiale. Lo scorso 4 marzo i sardisti si sono alleati con la Lega, suscitando le ire di moltissimi militanti che hanno visto l'accordo come un tradimento delle istanze autonomiste dei fondatori.