Salvini insiste sulla Boldrini: "ha contribuito a trasformare l'Italia in un campo profughi"

Il leader della Lega: "io premier se prendo un voto in più di Fi. Non vedo l'ora che arrivi il 4 marzo"

Matteo Salvini

Matteo Salvini

globalist 14 febbraio 2018

"Abbiamo mandato a casa Crocetta, mandiamo a casa Renzi. Non vedo l'ora che arrivi il 4 marzo". Matteo Salvini, a Palermo per aprire il tour elettorale al sud, si dice certo della vittoria del centrodestra e lancia un avvertimento all'alleato Silvio Berlusconi.
"Se il centrodestra vince, e vincerà, e la Lega prede un voto in più il candidato premier è Salvini. Se i siciliani o gli italiani preferiscono Antonio Tajani votino Forza Italia. Chi prende un voto in più tra Lega e Fi in democrazia ha ragione".
Il leader leghista ha poi voluto esprimere solidarietà a Giorgia Meloni per quanto accaduto a Livorno e ha ribadito di non temere un pericolo fascista o razzista. "L'aggressione alla Meloni, questa è violenza. Chi veramente impedisce agli altri di parlare con la violenza è un fuorilegge. Le battaglie della Lega, ha detto Salvini, sono battaglie concrete, non seguo le promesse o le fantasie degli altri, non temo un pericolo fascista o razzista. C'è bisogno di creare lavoro, c'è bisogno di andare in Europa per difendere l'agricoltura e la pesca siciliana. Sicuramente mentre altri parlano di ministri vari ed eventuali, il ministero dell'Agricoltura, della pesca e del cibo sarà gestito da un uomo o una donna della Lega per difendere il nostro territorio, il nostro mare e i nostri prodotti".
Salvini è poi tornato sul tema migranti, dopo le scintille nel confronto tv con la presidente della Camera Laura Boldrini. "Sull'immigrazione penso che sia chiaro come la pensiamo: nel governo Salvini non sarà ammissibile che ci siano i tunisini in rivolta contro la polizia a Trapani, che ci sia spaccio di droga e prostituzione a Mineo, caos a Caltagirone. Qualcuno lo confonde con razzismo o fascismo, invece io voglio soltanto ordine, regole e rispetto".
"La Boldrini, ha concluso Salvini, ha contribuito a trasformare l'Italia in un campo profughi. Fra tre settimane, fortunatamente, non sarà più la terza carica dello Stato".