La dirigente di Polizia: "Donne, non accettate l'ultimo appuntamento"

Maria Carla Bocchino si occupa da anni di donne maltrattate, abusate, violentate, spesso dal partner, ed è convinta che la legge sullo stalking non basti.

Maria Carla Bocchino

Maria Carla Bocchino

globalist 9 marzo 2017

Maria Carla Bocchino, responsabile della sezione donne e minori del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, lo ripete come un mantra: "Mai accettare 'l'ultimo appuntamento' con l'ex, è il più pericoloso e spesso quello fatale". Si occupa da anni di donne maltrattate, abusate, violentate, spesso dal partner, ed è convinta che la legge sullo stalking, aiuti ma, dice: "molto c'è ancora da fare". Sono passate solo poche ore dall'8 marzo e il bollettino di guerra dei femminicidi segnala già nuovi casi. "Le donne spesso sono convinte di riuscire a gestire la separazione, pensano di poter convincere l'uomo ad accettare la fine di una storia - racconta - ma in molti casi non è così". Un altro fronte su cui lavorare sono i bambini "perché - aggiunge - da grandi non reiterino atteggiamenti violenti appresi in famiglia". E, infine, c'è l'uomo violento, l'abusante. "Per loro - sottolinea - servirebbe rendere obbligatorio, come corollario ad ogni sanzione, un percorso di recupero per evitare almeno le recidive".