La sigaretta elettronica esplode e gli trafigge il cranio

A confermare che ad ucciderlo è stata la sua e-cigarette è stata l'autopsia. 

La sigaretta elettronica esplode e gli trafigge il cranio

La sigaretta elettronica esplode e gli trafigge il cranio

globalist 17 maggio 2018

Un 38enne americano è morto in Florida a causa dell'esplosione della sua sigaretta elettronica. Secondo quanto riportano i media Usa, il cadavere dell'uomo è stato ritrovato lo scorso 5 maggio nell'abitazione di famiglia a St.Petersburg. Il corpo presentava ustioni per oltre l'80% e ad attirare l'attenzione delle forze dell'ordine è stato l'allarme antincendio proveniente dal suo appartamento.


A confermare che ad ucciderlo è stata la sua e-cigarette è stata l'autopsia. Nel cranio dell'uomo, i medici legali hanno infatti trovato frammenti della sigaretta elettronica esplosa che si sono trasformati in veri e propri proiettili, mentre le fiamme hanno provocato ustioni in diverse parti del corpo, in particolare sull'addome, la schiena, la spalla, un braccio e una mano.


Secondo l’US Fire Administration, tra il 2009 e il 2013 ci sarebbero stati 195 diversi episodi di esplosioni e incendi causati da sigaretta elettronica, che hanno provocato 133 lesioni acute, 38 delle quali gravi. Nel 2015, una sigaretta elettronica è esplosa di fronte a un ventinovenne uomo del Colorado, rompendogli i denti.