Niente gay pride. Il sindaco leghista impedisce la sfilata

Alessandro Canelli dice no alla manifestazione (che è invece patrocinata dalla Regione Piemonte e dalla Provincia". Per il primo cittadino sfilare per i diritti è 'inutile ostentazione'

Il Pride in America

Il Pride in America

globalist 19 aprile 2018

Niente Gay Pride. Al leghista non piace. Così il Comune di Novara, guidato da Alessandro Canelli, ha negato il patrocinio al 'Novara pride', la manifestazione in programma il 26 maggio che porterà in città l'orgoglio omosessuale. Per il primo cittadino si tratta infatti di una "inutile ostentazione", come scritto in una lettera agli organizzatori. Il no dell'amministrazione comunale diventa un caso politico, con il Pd che parla di "una decisione anacronistica e discriminatoria". "Il sindaco Canelli, che appena eletto si è affannato a dichiarare urbi et orbi che sarebbe stato il sindaco di tutti, alla prova dei fatti si dimostra essere prevedibile e scontato nel ruolo di moralizzatore - sostiene il Pd di Novara in una nota -: mentre la Regione Piemonte e la Provincia di Novara hanno dato il patrocinio e sosterranno l'iniziativa, il Comune di Novara sarà assente dando prova di non rappresentare realmente tutti i novaresi".