Firenze: spara e uccide a freddo un passante africano. Arrestato

La vittima è un immigrato 70enne. Fermato un 64enne italiano: "volevo ammazzarmi non ho avuto il coraggio. Il primo che mi è passato davanti, gli ho sparato".

Ponte Vespucci

Ponte Vespucci

globalist 5 marzo 2018

Momenti di terrore in pieno giorno a Firenze. Poco prima di mezzogiorno, all'altezza di Ponte Vespucci, a due passi dal centro storico, una persona a ucciso a freddo un uomo di colore, di 54 anni del Senegal. A nulla sono valsi i tentativi di rianimazione dei sanitari.
La polizia, allertata dai militari in servizio davanti al vicino consolato degli Stati Uniti, ha fermato un uomo, Roberto Pirrone, di 64 anni, nella vicina via Montebello.
"Volevo ammazzarmi, non ho avuto il coraggio", avrebbe detto Pirrone che adesso è piantonato in questura e sta rispondendo alle domande delle forze dell'ordine. "Sono uscito di casa per ammazzarmi, poi non ho avuto il coraggio. Il primo che mi è passato davanti, gli ho sparato".
Nella casa di Pirrone, secondo alcune indiscrezioni un fanatico delle armi, la polizia avrebbe trovato una lettera in cui spiegava i motivi per cui avrebbe deciso di uccidersi. Problemi di natura economica avrebbero spinto l'uomo a togliersi la vita. Poi, però, non è riuscito a spararsi e ha rivolto l'arma contro un passante, uccidendolo a bruciapelo.