Orietta Berti grillina scatena la polemica tra Pd e Di Maio

La cantante annuncia che voterà per il amico Grillo e che le piace Di Maio, 'troppo bello'. All Pd non va giù e parla di violazione della par condicio

Berti e Di Maio

Berti e Di Maio

globalist 13 gennaio 2018

Ecco, questa ci mancava proprio: Orietta Berti opinion maker, capace, grazie alla sua enorme influenza politica e culturale, di indirizzare milioni di voti in occasione della torrida e, da oggi, a tratti ridicola campagna elettorale.
Accade anche questo in Italia, dove i problemi sarebbero ben altri ed invece bisogna occuparsi delle dichiarazioni in libertà della signora Berti ad una trasmissione radiofonica della Rai sulla sua intenzione di votare per i 5 Stelle. Dichiarazioni che lascerebbero il tempo che trovano e che invece sono prese talmente sul serio da fare protestare il Pd che all'Agcom ha denunciato una palese violazione della par condicio.
Per capire la profondità del messaggio politico della cantante basta leggere le sue dichiarazioni . "Il 4 marzo voterò il mio amico Grillo. Gliel'ho sempre promesso ma non l'ho mai votato, ero sempre all'estero". Quindi, nessuna analisi politica, nessun apprezzamento sul programma del 5 Stelle, ma solo un voto per amicizia.
Ma tanto è bastato a Sergio Boccadutri, deputato Pd e in Commissione Vigilanza Rai, per indurlo a chiedere l'intervento dell'Agcom affinchè ''valuti se non siamo di fronte ad una chiara violazione della legge, come sembrerebbe'', ''se non sia il caso di comminare delle sanzioni'' e ''in che modo possa essere sanata la questione nei confronti delle altre forze politiche''. Sarebbe opportuno, aggiunge il deputato Pd, anche ''valutare se Orietta Berti, dopo il suo coming out, possa continuare a ricoprire il ruolo di ospite fisso nella seconda parte della trasmissione di Fabio Fazio".
Tutto qui? Affatto perché poi Orietta Berti ha avuto parole di elogio per Luigi Di Maio. Per le sue idee politiche? Per il programma elettorale? Manco per niente, perché è un bel ragazzo, è sempre abbronzato ed ha delle belle mani.
Ci sarebbe da ridere se la cosa non fosse seria perché sottolinea il clima che accompagnerà la campagna elettorale. E lascia ancora più perplessi che Luigi Di Maio, candidato premier - e con fondate speranze - abbia ritenuto necessario intervenire sulla questione per rendere edotto il popolo italiano che, nell'ordine, Orietta Berti ha il diritto di esprimersi e parlare liberamente ( e ci mancherebbe pure); che incontrandola in uno studio della Rai, si è intrattenuto con la cantante raccontandosi ''i nostri impegni''; che lo stesso Di Maio ne ha ''approfittato per farmi un selfie assieme a lei che ho prontamente girato a mia mamma, sua grande fan''.