Corruzione al G8: chieste 10 condanne per la 'cricca', prescrizione per Bertolaso

Il pm: uno dei più gravi casi nel dopoguerra, solo Di Pietro da ministro ha cercato di fermarli

Prescrizione per Guido Bertolaso, accusato di corruzione nel processo per gli appalti del G8 della Maddalena e alcuni 'Grandi Eventi'

Prescrizione per Guido Bertolaso, accusato di corruzione nel processo per gli appalti del G8 della Maddalena e alcuni 'Grandi Eventi'

globalist 7 luglio 2017

Nel processo per gli appalti del G8 della Maddalena e alcuni "Grandi Eventi" la Procura di Roma ha chiesto dieci condanne per un totale di quasi settant'anni di carcere.  E' intervenuta la prescrizione invece per l'ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, accusato di corruzione, e presente oggi in aula.
I pm Roberto Felici e Ilaria Calò, davanti ai giudici della ottava sezione penale, hanno chiesto, tra gli altri, una condanna a 9 anni e 2 mesi per l'ex presidente alle opere pubbliche Angelo Balducci, 9 anni per l'imprenditore Diego Anemone, 6 anni e mezzo per il fratello Daniele. Per l'ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana, Fabio De Santis, è stata chiesta una condanna a 8 anni e, invece, 6 anni e mezzo per l'ex commissario straordinario ai mondiali di nuoto del 2009, Claudio Rinaldi.
"Siamo davanti a uno dei casi più gravi di corruzione dal dopoguerra, hanno detto i pm nella requisitoria. Un intero settore dell'amministrazione dello Stato era condizionato da questa cerchia di persone". "L'unica persona che non si è adeguata a questo sistema è stato il ministro Di Pietro, l'unico che ha cercato di porre un freno", hanno spiegato in aula. Il sistema gelatinoso che a suo tempo fu attribuito alla 'cricca' "era una definizione reale e non solo giornalistica", hanno detto i pm.