Twitter diventa 'media company': assume redattori e video producer

Il social network segue la strada aperta da Facebook testando notifiche di breaking news e filmati in diretta.

Foto d'archivio

Foto d'archivio

globalist 5 gennaio 2017

La svolta non stupisce più di tanto. Era nell'aria ormai da mesi e ormai è realtà. Twitter, nonostante a lungo abbia rifiutato l'etichetta, diventa una 'media company', imboccando la strada già presa da Facebook. Il microblog sta infatti assumendo redattori e video producer, oltre a sperimentare la notifica di breaking news e a trasmettere filmati in diretta.


Sul sito del sociale network si leggono tre annunci per un lavoro da redattore in Periscope, la piattaforma per trasmettere video in diretta con lo smartphone. L'inserzione è per scovare e pubblicare contenuti, ed è rivolta a persone che oltre all'inglese padroneggino almeno altre due lingue. C'è poi una posizione aperta da produttore associato a Londra per trasmettere video online.


Da alcune settimane, inoltre, il microblog, ha iniziato a testare un servizio di notifica per informare gli utenti sulle ultime notizie come accaduto, ad esempio, per l'attentato di Berlino, stringendo accordi per trasmettere contenuti premium, tra cui spiccano le partite della Lega nazionale di football degli Usa.


Un percorso simile a quello portato avanti dal numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, che nei giorni scorsi ha dichiarato:"Facebook non una società tecnologica tradizionale ma neanche una media company tradizionale", ha detto. "Non scriviamo le notizie che le persone leggono sulla piattaforma, ma sappiamo che facciamo molto di più che distribuire notizie".