La pasta non fa ingrassare, anzi: secondo uno studio aiuta a rimanere in forma

I carboidrati contenuti nella pasta hanno un indice glicemico inferiore rispetto agli altri, sostiene uno studio condotto in Canada

La pasta aiuterebbe invece a mantenere la linea

La pasta aiuterebbe invece a mantenere la linea

globalist 3 aprile 2018

Un nuovo studio del St. Michael's Hospital, in Canada, ha evidenziato che i carboidrati contenuti nella pasta non farebbero ingrassare: al contrario, sono fondamentali per una dieta sana, come dimostra il fatto che le persone coinvolte nella ricerca hanno perso circa mezzo chilo in dodici settimane.


Nella pasta infatti è contenuto un tipo di carboidrati di tipologia diversa rispetto agli altri cibi: hanno infatti un basso indice glicemico, il che significa che provoca minori aumenti di zucchero nel sangue. "Lo studio ha rilevato che la pasta non ha contribuito all'aumento di peso o all'aumento del grasso corporeo - evidenzia l'autore principale della ricerca, John Sievenpiper - In realtà l'analisi ha mostrato una leggera perdita di peso, quindi contrariamente alle preoccupazioni, la pasta può essere parte di una dieta sana come ad esempio quella a basso indice glicemico".


Nella ricerca sono state coinvolte delle persone che hanno mangiato in media 3,3 porzioni di pasta a settimana ed è risultato che avevano persone mezzo chilo in dodici settimane.


Gli autori comunque avvertono che i risultati sono generalizzabili alla pasta consumata insieme ad altri alimenti a basso indice glicemico e avvertono che sono necessarie maggiori ricerche per determinare se la perdita di peso si applica anche alla pasta come parte di altre diete salutari.