Arrestato il terrorista dell'Isis che bruciò vivo il pilota giordano catturato

Muath Al-Kasasbeh fu ucciso nel febbraio 2015, quando il suo aereo precipitò a Raqqa, in Siria. Saddam Omar Al-Jamal è stato uno degli aguzzini

Il pilota giordano Muath Al-Kasasbeh ucciso dall'Isis

Il pilota giordano Muath Al-Kasasbeh ucciso dall'Isis

globalist 14 maggio 2018

Un criminale senza scrupoli che aveva cercato di farla franca: i servizi segreti iracheni hanno arrestato un miliziano del sedicente Stato Islamico, ritenuto responsabile dell'omicidio del pilota giordano Muath Al-Kasasbeh, bruciato vivo all'inizio di febbraio 2015, quando il suo aereo precipitò a Raqqa, in Siria, allora occupata dal gruppo jihadista.
Secondo il quotidiano giordano Al-Ghad, le agenzie di intelligence irachene hanno catturato Saddam Omar Al-Jamal, uno dei responsabili dell'omicidio di Al-Kasasbeh.
Il quotidiano ha riferito che l'uomo e' stato arrestato insieme ad altri quattro sospetti membri dell'Isis: Abu Zeid al-Iraqi, Abu Saif Al-Shiati, Abu Abdul Haq al-Iraqi e Abu Hafs Karbouli.
Secondo le fonti, i cinque fermati sono considerati tra i maggiori esponenti dell'Isis attualmente in custodia delle forze di Baghdad e sono stati arrestati in Siria vicino al confine con l'Iraq. La famiglia di al-Kasasbeh ha chiesto al governo di Amman di richiedere l'estradizione di Al-Jamal perché sia processato in Giordania.