Trump dà l'assalto ai parchi nazionali: quello dello Utah sarà ridimensionato

Il miliardario continua la sua battaglia contro tutti i limiti a tutela del patrimonio paesaggistico

Il parco dello Utah

Il parco dello Utah

globalist 13 giugno 2017

Dopo la decisione di abolire le norme a protezione di balene e tartarughe marine


l'amministrazione Trump si vuole scagliare contro i leggendari parchi americani: Ryan Zinke, il segretario agli interni ha raccomandato al presidente di ridurre le dimensioni del Bears Ears National Monument.


Il nuovo parco di 547 ettari era stato proclamato da Barack Obama lo scorso dicembre nel sud dello Utah. Un territorio straordinario, che prende nome da due montagne evocative delle orecchie di un orso e che, con i suoi altopiani rossastri, i suoi dirupi e i suoi canyons, è considerato sacro da varie tribù di indiani.


In aprile Trump aveva firmato un ordine esecutivo chiedendo a Zinke di rivedere la designazione di decine di parchi nazionali, definendo i tentativi di tutela ambientale come «una appropriazione massiccia di terra federale» che danneggia le economie locali.