Ammassi globulari nel mirino di Lisa

Il Laser Interferometer Space Antenna sarà in grado di individuare i cluster della Via Lattea, integrando le funzioni di Ligo

Onde gravitazionali

Onde gravitazionali

Si apre una nuova finestra per comprendere l’Universo. Un team di scienziati della Northwestern University, ha sviluppato un potente strumento di calcolo per modellare realisticamente i cluster globulari, strutture di centinaia di migliaia o milioni di stelle, legate gravitazionalmente insieme.  Grazie a questa risorsa, sarà possibile utilizzare per la prima volta modelli realistici di cluster globulari per fare previsioni dettagliate sulle future rilevazioni del Laser Interferometer Space Antenna (Lisa).  L’osservatorio di prossima generazione, partirà alla volta dello spazio nel 2034 e osserverà le onde gravitazionali di “bassa frequenza”. Questo tipo di onde non sono infatti osservabili dai rivelatori terrestri, che invece catturano -  con grande successo negli ultimi anni, negli Stati Uniti con Ligo e in Italia con Virgo – onde più rapide nella banda dell’udito umano, con periodi che si misurano in millesimi di secondo.


“LISA è sensibile ai sistemi della Via Lattea e amplierà l’ampiezza dello spettro dell’onda gravitazionale, permettendoci di esplorare diversi tipi di oggetti che non sono osservabili con Ligo”, ha affermato Kyle Kremer, autore principale dello studio. Le onde gravitazionali osservabili con Lisa sono prodotte sia da oggetti astrofisici distanti ed enormi, quali i buchi neri ai centri di galassie distanti, che da oggetti 'piccoli e vicini', come le stelle 'spente' nella nostra Via Lattea, oltre ad essere riconducibili a potenziali sorgenti esotiche che non possiamo ancora immaginare.


Finora, nella Via Lattea, sono stati osservati 150 ammassi globulari. Il team di ricerca del Northwestern University prevede che un cluster su tre produrrà una fonte per Lisa. Secondo lo studio, pubblicato su Physical Review Letters, saranno rilevati approssimativamente otto buchi neri binari nella vicina galassia di Andromeda e altri 80 nella galassia della Vergine.