Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    7,2%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    5,4%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    17%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    6,3%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    10,3%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    33,2%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    5,4%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    15,2%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Sono 139 i giornalisti morti nel 2012 in zone di guerra

Giornalismo, a volte è mestiere nobile. 139 colleghi morti in zone di conflitto. Il 30% in più rispetto al 2011. Siria, Somalia e Pakistan le zone più pericolose del pianeta.

Desk
martedì 18 dicembre 2012 09:38

Sono almeno 139 i giornalisti uccisi nel 2012 nelle zone di conflitto, ben il 30% in più rispetto all'anno precedente. Lo rende noto la Ong Press Emblem Campaign a Ginevra, secondo cui i decessi sono stati registrati in 29 Paesi, soprattutto in Siria. In Somalia hanno perso la vita 19 giornalisti, mentre in Pakistan, Messico e Brasile sono stati rispettivamente 12.