Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Qual è il senso profondo della Festa della Liberazione?
  • Festeggiare la liberazione dal giogo nazifascista
    6,6%
  • Mantenere viva la memoria antifascista
    10,2%
  • Serve a ricordarci che la libertà va conquistata giorno dopo giorno
    14,5%
  • Si tratta di una festa che perde senso nel tempo
    6%
  • Non ha alcun senso, è una festa che divide gli italiani
    7,8%
  • Ci ricorda che dobbiamo sempre lottare contro chi ci priva di diritti e libertà
    54,8%

Colorazione e prodotti per la cura della pelle

Prenditi cura della tua pelle e dei tuoi capelli. Scopri la gamma di prodotti Garnier, per il tuo viso, il corpo, lo styling.

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Sono 139 i giornalisti morti nel 2012 in zone di guerra

Giornalismo, a volte è mestiere nobile. 139 colleghi morti in zone di conflitto. Il 30% in più rispetto al 2011. Siria, Somalia e Pakistan le zone più pericolose del pianeta.

Desk
martedì 18 dicembre 2012 09:38

Sono almeno 139 i giornalisti uccisi nel 2012 nelle zone di conflitto, ben il 30% in più rispetto all'anno precedente. Lo rende noto la Ong Press Emblem Campaign a Ginevra, secondo cui i decessi sono stati registrati in 29 Paesi, soprattutto in Siria. In Somalia hanno perso la vita 19 giornalisti, mentre in Pakistan, Messico e Brasile sono stati rispettivamente 12.