Le ultime 10:

 
Venezia 71: Il film italiano più atteso
  • Il Giovane favoloso di Mario Martone
    7,6%
  • Hungry Hearts di Saverio Costanzo
    6,9%
  • Anime Nere di Francesco Munzi
    6,9%
  • I nostri ragazzi di Ivano De Matteo
    8,3%
  • Pasolini di Abel Ferrara
    27,8%
  • Perez di Edoardo De Angelis
    7,6%
  • La zuppa del demonio di Davide Ferrario
    11,8%
  • Italy in a day di Gabriele Salvatores
    11,1%
  • La trattativa di Sabina Guzzanti
    11,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Genova 2001, l'ex questore Colucci condannato a 2 anni e 8 mesi

L'accusa era di falsa testimonianza, sia sulla presenza o meno di Roberto Sgalla alla Diaz, che rispetto a chi aveva guidato le operazioni.

Desk
lunedì 10 dicembre 2012 12:19

Una ragazza fuori dalla scuola Diaz dopo il massacro
Una ragazza fuori dalla scuola Diaz dopo il massacro

Arriva una sentenza importante nei processo a proposito della "macelleria messicana" di Geova 2001 e della Diaz, dove molti ragazzi arrivati nella città italiana per contestare il G8 furono pestati dalle forze dell'ordine.

Questa la pena inflitta stamani a Genova all'ex questore Francesco Colucci è stata comminata lapena di 2 anni e 8 mesi. Il pm Enrico Zucca aveva chiesto tre anni. Colucci era accusato di falsa testimonianza nel processo sulla Diaz.

Colucci è stato condannato per avere detto il falso e aver cercato di coprire gli allora vertici della polizia e in particolare l'ex capo Gianni De Gennaro, assolto in via definitiva il 22 novembre 2012 dall'accusa di aver indotto il dirigente a mentire durante il processo.

Secondo l'accusa, Francesco Colucci, il 3 maggio 2007, sentito come teste, avrebbe riferito circostanze non vere. Avrebbe ritrattato, nello specifico, la dichiarazione ai pm sulla presenza di Roberto Sgalla, nel 2001 responsabile delle relazioni con la stampa, alla Diaz: Sgalla sarebbe stato presente su ordine di De Gennaro. Inoltre Colucci aveva indicato come responsabile nell'operazione alla Diaz il collega Lorenzo Murgolo, la cui posizione era stata già archiviata, altra circostanza smentita dai testimoni.

''Questoè un processo che ci ha abituati a ribaltamenti continui e che consiglia di proseguire nelle fasi ulteriori del giudizio, andando se del caso anche davanti alla Cassazione - hanno commentato i legali di Colucci, Maurizio Mascia e Gaetano Velle -, che si è già espressa nel senso dell'insussistenza di tre dei profili di falso contestati pronunciandosi nel processo a carico di Gianni De Gennaro e Spartaco Mortola''.

Gianni De Gennaro, oggi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai Servizi, era stato imputato insieme all'ex capo della Digos di Genova, Spartaco Mortola, per istigazione alla falsa testimonianza nei confronti di Colucci. Entrambi erano stati assolti in primo grado, condannati in appello, assolti in Cassazione.

Per l'avvocato di parte civile Emanuele Tambuscio la sentenza di oggi ''è molto importante perché sancisce che nel processo Diaz c'è stata un'opera di grande inquinamento probatorio da parte di un alto funzionario di polizia''. Uno dei legali della Associazione Giuristi Democratici, Emilio Robotti, si è detto ''molto soddisfatto per una sentenza che già in primo grado riconosce la falsa testimonianza''.