Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Nel braccio di ferro tra la Troika e la Grecia qual è la vostra posizione?
  • A favore della Troika in difesa dell'unità europea
    6,6%
  • I debiti vanno pagati, la Grecia paghi
    10,7%
  • Ha ragione Tsipras che ha chiamato i greci a decidere sul loro futuro
    40,9%
  • L'unica soluzione è l'annullamento del debito
    12,8%
  • Questo scontro tra potere finanziario e popolo sarà l'inizio di una rivoluzione
    23,6%
  • Non ho un'idea precisa sul tema
    5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Come è morto Giovanni dalle Bande Nere?

La salma del mitico capitano di ventura del '500 è stata riesumata oggi pomeriggio nell'ambito di una ricerca condotta dalla facoltà di Medicina di Pisa.

Desk
lunedì 19 novembre 2012 17:41

Come è morto Giovanni Dalle Bande Nere? E' vero che ad ucciderlo fu una cancrena, scoppiata dopo l'amputazione della gamba destra? A capirlo dovranno essere i ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pisa che oggi - diretti dal professor Gino Fornaciari - hanno riesumato la salma del capitano di ventura del '500, sepolto insieme a Maria Salviati, padre e madre di Cosimo I de' Medici, primo Granduca di Toscana.

L'apertura del vano sepolcrale di Giovanni dalle Bande Nere (al secolo Giovanni de' Medici) segue di poco più di un mese l'ispezione di un'altra tomba, sempre nelle Cappelle Medicee, quella dell'Elettrice Palatina, Anna Maria Luisa de' Medici, ultima esponente della grande casata fiorentina. insieme alla prima moglie Maria Salviati, padre e madre di Cosimo I de' Medici, primo Granduca di Toscana. La ricerca è sostenuta dal Dipartimento Radiologico dell'ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze, diretto dal dottor Ilario Menchi.