Le ultime 10:

 
Come si sta comportando il Governo Renzi sugli scenari di crisi internazionali?
  • Bene, con presenzialismo e idee chiare
    8,9%
  • Così e così, paga un po' l'inesperienza
    12,1%
  • Decisionismo e decisioni mediatiche: non è una buona strada
    16,9%
  • Le crisi internazionali non si risolvono con una battuta
    16,1%
  • All'Italia manca uno statista di levatura internazionale
    15,3%
  • Male, invece di mandare armi occorreva pensare soluzioni di pace
    30,6%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Tony Blair torna alla vita politica

Rachel Grant sta lavorando a creare una nuova immagine dell'ex leader dei laburisti. Dopo la disastrosa performance della guerra in Iraq. [Francesca Marretta]

redazione
giovedì 3 maggio 2012 22:39

da Londra
Francesca Marretta

Tony Blair si prepara a un ritorno sulla scena politica di casa e in Gran Bretagna è già polemica. Il quotidiano progressista The Guardian ha pubblicato un sondaggio alle 11.45 di oggi sul cui esito aggiorneremo i lettori di Globalist. La domanda posta è: "Vi riprendereste Blair?". Altro che torna a casa Lassie. L'ex premier dei tempi della War on Terror sa bene di dover spianare il terreno prima di rientrare nell'arena politica. Da queste parti nessuno ha dimenticato che durante la guerra in Iarq Blair era ritratto sulle vignette satiriche come il barboncino al guinzaglio di Bush.

Il ritornante Blair potrebbe forse sedere in una Camera dei Lords riformata per iniziativa dei Liberaldemocratici di Nick Clegg (altrimenti invisibili governo di coalizione). Ai tempi in cui Blair era leader laburista Alistair Campbell fu lo spin-doctor alla base della rinnovata immagine della Cool-Britannia. Invece di un pellegrinaggio a Lourdes, il credente e convertito al cattolicesimo Blair ha assunto tale Rachel Grant per reinventarsi un'immagine, nella speranza di far dimenticare la disastrosa performance della guerra in Iraq. La prima, nuova, apparizione ufficiale di Blair in casa è prevista durante le Olimpiadi di Londra, accanto al leader laburista Ed Miliband e ai ministri del governo ombra.

Nei cinque anni in cui si è tenuto (strategicamente) lontano dalla politica casareccia, Blair ha accumulato una fortuna come consulente e oratore. Nonostante l'Iraq, Blair è stato nominato inviato del Quartetto per il Medio Oriente. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Ma se lo si incontra a Gerusalemme est, dove ha sede il suo ufficio, Blair si vanta del ruolo ricoperto, portando che "oggi Jenin e Nablus sono rinate rispetto all'inizio della seconda Intifada". Gli insediamenti che si allargano? Dall'ufficio di Tony non si vedono. Il suo è stato un successo, come la guerra in Iraq, che non ha mai rinnegato e che dice che rifarebbe, pur ammettendo di aver commesso qualche errore.

Può darsi che il ritorno in politica di Blair sia stato ispirato dal film sulla Lady di Ferro, che nel 2009 ha avuto l'onore di vedere il suo ritratto a Downing Street, accanto a quelli di Winston Churchill e di David Lloyd George. L'unico ritratto ufficiale di Blair è stato realizzato nel 2008 da Johnatan Yeo. Ma è esposto alla Lincon's Hill. Blair non se lo spiega. In fondo pure lui è andato in guerra e ha vinto tre elezioni.