Le ultime 10:

 
Che cosà sarà pronto il giorno dell'inaugurazione di Expo 2015?
  • Niente, è un cantiere aperto
    4,9%
  • Tutto, Renzi ha la bacchetta magica
    10,7%
  • Saranno completate solo le opere di camouflage
    12,6%
  • Sarà sicuramente pronta la manifestazione dei No Expo
    25,2%
  • Sarà pronto il prossimo avviso di garanzia per tangenti
    14,6%
  • Sarà quasi tutto pronto, ma dobbiamo essere ottimisti e patrioti
    9,7%
  • Non importa, gli affari veri chi doveva farli li ha fatto, il resto è cementificazione
    19,4%
  • L'ultimo giorno di Expo sarà ancora da fare qualche cosa
    2,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Caso Lusi: sospetti su altri 13 milioni di euro

Secondo una società di consulenza, dalle casse dell'ex Margherita sarebbero spariti ancora ingenti somme. Si aggrava la posizione dell'ex tesoriere.

redazione
giovedì 12 aprile 2012 18:01

Altri tredici milioni di euro, oltre a quelli già documentati con riferimento al periodo 2007-2011, potrebbero essere spariti dalle casse della Margherita. E' quanto affermano i consulenti nella relazione che questa mattina è stata consegnata ai magistrati della procura di Roma, nell'ambito dell'inchiesta sull'ex tesoriere Luigi Lusi.
"Dall'esame della situazione contabile dell'esercizio 2011 - è scritto nel documento - risultano spese per viaggi e trasferte elettorali pari ad euro 869.428 che si riferiscono a diverse centinaia di assegni di piccolo taglio (inferiori ai 12mila euro) emessi dal tesoriere sul conto corrente acceso presso Bnl. In contabilità tali uscite sono state registrate sulla base delle risultanze degli estratti conto bancari, senza alcun documento a supporto della spesa sostenuta (copia assegni, ricevute)".

Stando ai consulenti "una analisi preliminare per analoghe operazioni (assegni a cifra tonda) anche per gli anni precedenti fino al 2007, porta ad evidenziare una somma stimata in circa euro 13 milioni (attribuibili sia alla voce 'spese per viaggi e trasferte elettorali' sia ad altre voci di conto economico) per i quali ad oggi, in attesa che si esauriscano le attività di verifica dell'Autorità Giudiziaria e della Banca d'Italia, non sono state eseguite ulteriori verifiche".