Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,6%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,8%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,9%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    5,5%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,5%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    71,5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Montagnoli: chi colpisce Bossi colpisce tutto il movimento

Per il vice presidente dei deputati del Carroccio, il senatur e il partito possono ancora andare a testa alta portando avanti il grido di libertà.

redazione
mercoledì 4 aprile 2012 17:32

«Umberto Bossi è la Lega e la Lega è Umberto Bossi. Chi colpisce lui colpisce il Movimento e viceversa». Lo afferma il vice presidente dei deputati del Carroccio Alessandro Montagnoli. «Il disegno -aggiunge- è chiaro: distruggere l'unica forza politica che vuole davvero il cambiamento di questo Paese e che da sempre fa del rigore morale dei suoi rappresentanti politici e dei suoi militanti un motivo di orgoglio. Ebbene io sono certo che Umberto Bossi e la Lega possano ancora andare a testa alta portando avanti il grido di libertà della nostra terra».

«Bossi ha dato la sua vita per il Movimento e sono certo che non permetterà a nessuno, magistrati, avversari politici o chiunque altro di distruggere il suo progetto politico. Quel progetto che senza Bossi, è bene che ciascuno di noi se lo ricordi, non esisterebbe. Come non esisterebbe nessuno di noi», conclude Montagnoli.