Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Nel braccio di ferro tra la Troika e la Grecia qual è la vostra posizione?
  • A favore della Troika in difesa dell'unità europea
    4,6%
  • I debiti vanno pagati, la Grecia paghi
    12,6%
  • Ha ragione Tsipras che ha chiamato i greci a decidere sul loro futuro
    44,4%
  • L'unica soluzione è l'annullamento del debito
    11,5%
  • Questo scontro tra potere finanziario e popolo sarà l'inizio di una rivoluzione
    23%
  • Non ho un'idea precisa sul tema
    3,4%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Intelligence

Il killer di Tolosa era una spia degli 007 francesi?

Il settimanale satirico d'oltralpe, Canard Enchainè, fa emergere una serie di contraddizioni. I servizi segreti sapevano. Perché lasciarono fare?

redazione
mercoledì 28 marzo 2012 14:18

I servizi segreti francesi avrebbero spiato la famiglia di Merah. E' quanto emerge da un articolo pubblicato oggi dal settimanale satirico dal titolo: ''Le relazioni pericolose tra il killer di Tolosa e la polizia''. Il settimanale Canard Enchainè racconta come - da marzo a novembre 2011 - l'Fbi francese avesse spiato la famiglia di Merah. Una ventina di volte, invocando la lotta al terrorismo, la Direzione generale dell'intelligence interna (Dcri) ha chiesto e ottenuto dal governo di poter intercettare le conversazioni telefoniche e le connessioni internet di Mohamed, di suo fratello e di sua madre.

Ed ogni volta la Commissione nazionale sul controllo delle intercettazioni ha espresso ''parere favorevole''.

Insomma, i servizi segreti francesi, prosegue il Canard, ''sospettavano che la famiglia di appartenere a una rete di islamisti radicali''. Ma nel novembre 2011, ''su richiesta della stessa Dcri'', le intercettazioni ''si fermano. Strano''.

Alla stessa epoca, Merah rientra da un periplo di due mesi tra Afghanistan e Pakistan, mostrando ''fieramente agli agenti le foto scattate durante il suo 'viaggio turistico'.

In una recente intervista a Le Monde, il capo della polizia, Bernard Squarciini, ha detto che un agente della Dcri convocò in effetti Merah ricevendolo a Tolosa. ''Diede prova di un'eccellente cooperazione, educazione e cortesia'', precisò Squarcini. E il Canard osserva che il killer di Tolosa ''sembra essere 'trattato' come un informatore''. Ciò che Squarcini smentisce seccamente. Poi, conclude il Canard, ''quando il suo nome appare subito dopo gli assassinii di Montauban, non scatta nessun allarme. Bisognerà aspettare quattro giorni. Come se Merah fosse uno sconosciuto. O troppo conosciuto?''