Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    6,8%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    11,4%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    11,4%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    13,6%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    19,3%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    14,8%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    6,8%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    15,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

India: ostaggi e Marò tempi lunghi, libera solo la nave

Solo tra una settimana l'esito del ricorso sulla competenza indiana a giudicare i due Marò. Intanto la petroliera Lexie può ripartire. Turisti rapiti, slitta l'ultimatum dei guerriglieri maoisti.

Desk
martedì 20 marzo 2012 10:46

Bisognerà attendere ancora una settimana per la decisione dell'Alta corte del Kerala sulla giurisdizione del caso dei due marò italiani accusati di aver ucciso due pescatori. Si è invece sbloccata la questione della nave su cui i militari erano in missione anti-pirati.

La petroliera Enrica Lexie è stata autorizzata a ripartire dal porto di Kochi, dove era ancorata da un mese. Un ministro dello Stato del Kerala ha dato il via libera al termine di una inchiesta preliminare in cui, spiegano i media locali, "sono state raccolte tutte le prove a bordo della nave".

I guerriglieri maoisti dell'Orissa hanno spostato ancora una volta l'ultimatum per l'accettazione delle loro 13 richieste per il rilascio di Paolo Bosusco e Claudio Colangelo. Intanto annunciano: gli ostaggi stanno bene e mangiano.