Le ultime 10:

 
Chi è il peggior sindaco italiano?
  • Ignazio Marino
    18,7%
  • Piero Fassino
    9,8%
  • Luigi De Magistris
    6,5%
  • Giuliano Pisapia
    8,1%
  • Flavio Tosi
    13,8%
  • Dario Nardella
    7,3%
  • Virginio Merola
    6,5%
  • Giorgio Gori
    12,2%
  • Leoluca Orlando
    7,3%
  • Massimo Bitonci
    9,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Arriva il traduttore vocale che parla 26 lingue

Il software realizzato da Microsoft sarà presto in grado di tradurre all'istante interpretando la voce umana. In più potrà elaborare in 3D i volti degli interlocutori.

Desk
giovedì 15 marzo 2012 10:36

Da Microsoft arriva il nuovo software in grado di tradurre istantaneamente interpretando la voce umana. Il programma si chiama Monolingual Tts e, in realtà, deve ancora essere perfezionato: i tempi di risposta del sistema non sono ancora in tempo reale - occorre circa un'ora di tempo affinché l'attuale versione sperimentale dell'applicazione sia in grado di riconoscere le espressioni della voce dell'utente - ma sulla bontà di questa innovazione non si discute. Una volta perfezionato, Monolingual Tts gestirà infatti la registrazione e la riproduzione vocale in 26 lingue diverse, italiano compreso.

In più il software, presentato qualche giorni fa nel corso del TechFest2012, è in grado di elaborare a video la faccia dell'interlocutore, con una immagine 3D della testa e animando le labbra a ritmo delle parole da questi pronunciate. Il tutto combinando tecnologie di sintetizzazione vocale "tex-to-speech" per convertire il testo in parlato con una voce simile a quella reale e di animazione video in tre dimensioni.

Allo stato attuale siamo ancora nel campo dei test e lontani dalla disponibilità commerciale del software ma le prime "demo" pubbliche del sistema - realizzate ricorrendo a uno speciale avatar virtuale capace di comunicare con una mimica ed una espressione fedele al volto originale in due lingue, inglese e cinese - ne hanno fatto intuire le enormi potenzialità.

Il principio alla base di Monolingual è semplice: dare luogo a un'interlocuzione diretta (da vicino o da remoto) e decisamente più veloce fra due o più soggetti senza che nessuno di questi conosca la lingua dell'altro. Il passo successivo a cui Microsoft starebbe già lavorando è l'integrazione di questa tecnologia a bordo degli smartphone, con l'intento di abilitare l'utente a traduzioni istantanee di testi scritti, insegne o cartelli stradali in lingua straniera importati nella memoria del dispositivo attraverso la la fotocamera digitale.