Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    7%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    6%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    16,4%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    6,5%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    11,4%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    30,8%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    5,5%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    16,4%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Bare a l'Aquila: il Male rilancia Globalist

Pagate 471 bare per le 308 vittime: le ruberie del dopo terremoto erano state denunciate dal Capoluogo.it della nostra syndication. Era Vauro lo sciacallo?

Desk
venerdì 2 marzo 2012 18:03

La pagina del Male
La pagina del Male

Non tornano i conti sui funerali per le vittime del terremoto de L'Aquila. Furono 205 le esequie solenni celebrate il 10 aprile 2009 all'interno della caserma della Guardia di Finanza di Coppito e 103 le commemorazioni svolte in forma privata. Dovrebbero essere stati, dunque, 308 i feretri e non 471 come invece risultano essere stati rendicontati: 212 dal centro operatori funebri EuroCof, 148 dall'organizzazione funebre internazionale Taffo, 50 dall'agenzia Pacini e 61 da altre imprese incaricate dalle famiglie delle vittime. Dunque, 163 feretri in più.

Questa era la denuncia di Globalist fatta grazie alla collaborazione dei bravissimi giornalisti de Il Capoluogo che avevano scavato nelle carte.

Il Male di Vauro e Vincino, vedi la foto, ha ripreso l'inchiesta con una punta di triste ironia: quando Vauro fece la famosa vignetta sul terremoto a l'Aquila, contro di lui ci fu l'esecrazione pubblica, la condanna e la sospensione dalla Rai. Ora, si domanda "il farabutto", chi era lo sciacallo?

Il resto lo troverete sul Male di questa settimana

Questo l'articolo integrale pubblicato su Globalist lo scorso 24 febbraio.

Commenti
  • Anonimo 18/03/2012 alle 19:24:24 rispondi
    La replica di Eurocof
    "L'Eurocof S.r.l. in persona del suo amm.re unico e legale rappresentate sig. Marco Aquilini con riferimento all'articolo pubblicato dalla testata giornalistica ilcapoluogo.it e ilquotidiano.net il giorno 24/02/2012 a firma del direttore responsabile Sig. Roberta Galeotti rettifica e precisa quanto segue...

    http://www.ilcapoluogo.it/News/Cronaca/Funerali-di-Stato-la-replica-di-Eurocof-79579/(language)/ita-IT