Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Chi voteresti alle primarie americane?
  • Donald Trump (Repubblicani)
    13%
  • Hillary Clinton (Democratici)
    22,8%
  • Ted Cruz (Repubblicani)
    7,6%
  • Bernie Sanders (Democratici)
    40,2%
  • Jeb Bush (Repubblicani)
    8,7%
  • Marco Rubio (Repubblicani)
    7,6%

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Cellulari sempre più "smart", anche con impianti sottopelle

Questo strumento diventerà una completa interfaccia fra il mondo reale e quello virtuale. Sono le previsioni dei futurologi al Mobile World Congress.

redazione
lunedì 27 febbraio 2012 13:55

Il futuro è dei cellulari: domineranno le nostre vite con sempre maggiori capacità e - grazie a degli impianti sottocutanei - potranno controllare anche il nostro corpo.

Queste almeno sono le previsioni dei futurologi che partecipano al Mobile World Congress, la principale fiera del settore della telefonia mobile: il cellulare diventerà una completa interfaccia fra il mondo reale e quello virtuale, sebbene continuare a chiamare "telefoni" questo genere di apparecchi sia alquanto fuorviante.

Tuttavia la maggior parte degli esperti avverte i continui progressi tecnologici rendono difficile prevedere lo sviluppo futuro dei cellulari: quel che appare certo è che dovranno proteggerci da un bombardamento di dati sempre più grandi; gli "smartphone" dovranno quindi diventare sempre più "smart" per selezionare le informazioni in base ai bisogni e alle preferenze dell'utente.

Ciò implica la costruzione di un "archivio" digitale sui comportamenti dell'utente, una base dati su cui qualsiasi esperto di marketing vorrebbe poter mettere le mani e di cui occorrerà quindi proteggere la privacy; nel frattempo, il cloud computing - che alleggerirà le necessità di memoria e potenza di calcolo degli apparecchi portatili - favorirà lo sviluppo di "apps" più potenti e utili, come per esempio dei sensori biometrici.