Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,6%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,6%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,8%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    5,5%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,5%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    71,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Otto anni senza Marco Pantani

Il 14 febbraio 2004 moriva la leggenda del ciclismo italiano. Massacrato dal circo mediatico. Ovunque tu sia Marco, il nostro cuore è con te. [Xavier Jacobelli]

Desk
martedì 14 febbraio 2012 10:05

di Xavier Jacobelli

14 febbraio 2004- 14 febbraio 2012: otto anni fa moriva Marco Pantani, Leggenda del ciclismo, Re della Montagna, mai trovato positivo ad un controllo antidoping, massacrato dal circo mediatico, dall'invidia e dalla frustrazione di uomini piccoli piccoli.

Dovunque tu sia, Marco, il nostro cuore è con te.

Commenti
  • gargantua 14/02/2012 alle 11:56:07 rispondi
    Mito negativo
    Appassionato da sempre di ciclismo mi sono esaltato alle imprese di Pantani perché il vero ciclismo è come faceva lui: piantava in asso la compagnia e vinceva in solitudine.Ma dovremo purtroppo ridimensionarlo e smettere di farne un mito. Non è serio indicare i miti negativi ai ragazzi che intraprendono questa dura disciplina sportiva.
  • Giancarlo Governi 17/02/2012 alle 00:13:56 rispondi
    Il mio interesse per il ciclismo, uno sport che ho amato fin da bambino e che ho raccontato in libri e programmi televisivi,è finito quando vidi Marco in mezzo a due carabinieri a Madonna di Campiglio. Con Marco il ciclismo è finito, penso per tutti non soltanto per me.
    Tempo fa in un dibattito sull'Italia di Bartali e Coppi scesi con il microfono in platea per chiedere agli spettatori chi avesse vinto l'ultimo Giro d'Italia. Non ci crederete ma nessuno mi seppe rispondere. Io stesso non lo so e non lo voglio sapere. E poi saperlo a che serve se dopo lo cancellano dell'albo d'oro.