Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Cosa ne pensate dell'esito delle primarie di Milano
  • Una vittoria della democrazia
    14,3%
  • La vittoria del personaggio a scapito della politica
    9,5%
  • Truppe cammellate e trasformismo
    44%
  • Ha vinto il peggiore
    10,7%
  • Sala sarà un buon sindaco
    21,4%

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Poliziotto condannato per stupro: il Viminale dovrà risarcire

Un agente durante il G8 violentò una ragazza a Bolzaneto, ora anche il Ministero dovrà pagare.

Desk3
martedì 1 ottobre 2013 16:23

Condanna definitiva a 12 anni e mezzo di reclusione per stupro per l'assistente capo di Polizia, Massimo Luigi Pigozzi, già condannato a tre anni e due mesi per le violenze avvenute nella caserma di Bolzaneto nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001.

A sancirla è stata la terza sezione penale della Cassazione, che ha anche condannato il Viminale, in qualità di responsabile civile, a risarcire una delle vittime delle violenze sessuali di cui il poliziotto si è reso responsabile durante il servizio prestato presso la Questura di Genova.

Al centro di questo secondo processo, le violenze sessuali avvenute ai danni di donne in stato di fermo mentre si trovavano nella camera di sicurezza della Questura del capoluogo ligure. Pigozzi (che nel procedimento sui fatti di Bolzaneto venne ritenuto responsabile di aver "strappato" una mano al manifestante Giuseppe Azzolina) era stato condannato già in primo grado che in appello e la sua condanna per violenza sessuale aggravata e abbandono di posto di servizio è ora stata confermata dalla Suprema Corte.

Se, però, i giudici di secondo grado avevano escluso la responsabilità civile del ministero dell'Interno, la Cassazione ha accolto il ricorso di una delle donne vittima di violenza, una straniera costituitasi parte civile nel processo, e condannato il Viminale a risarcirla.

Torna alla Home