Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei su una spiaggia deserta, arriva un politico e apre l'ombrellone accanto al tuo: chi non vorresti che fosse
  • Matteo Renzi
    21,9%
  • Matteo Salvini
    24,3%
  • Giorgio Napolitano
    5,9%
  • Maria Elena Boschi
    7,1%
  • Angelino Alfano
    4,1%
  • Antonio Razzi
    10,1%
  • Matteo Orfini
    3%
  • Marianna Madia
    7,1%
  • Giuseppe Civati
    3,6%
  • Rosy Bindi
    13%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Sarah Palin ironizza su Obama: non era contro le guerre di Bush?

L'esponente della destra repubblicana prende in giro la svolta bellicista del premio nobel: si opponeva a Bush ma adesso si comporta nello stesso modo.

Desk
domenica 1 settembre 2013 11:09

Provocazione di Sarah Palin nel dibattito per un possibile intervento militare americano in Siria: "Lasciamo che ci pensi Allah", ha scritto l'ex governatore dell'Alaska ed ex candidata alla vicepresidenza Usa sul suo profilo Facebook. In un post la Palin - esponente dell'ala dura della destra repubblicana - ha osservato che nel conflitto siriano "estremisti islamici sono contro un regime autoritario, con entrambe le parti che si gridano l'una contro l'altra: 'Allah Akhbar' (Allah è grande). E allora che ci pensi Allah".

Ma l'esponente repubblicana ha ironizzato soprattutto su Barack Obama, un "premio Nobel per la pace" che adesso "ha bisogno di ottenere l'approvazione del Congresso prima di portarci in guerra". Si tratta, ha osservato, delle "stesse guerre" lanciate a suo tempo da George W. Bush "a cui Obama ha veementemente detto di opporsi perché mancavano le prove che fossero in gioco gli interessi vitali dell'America".