Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Nel braccio di ferro tra la Troika e la Grecia qual è la vostra posizione?
  • A favore della Troika in difesa dell'unità europea
    5,5%
  • I debiti vanno pagati, la Grecia paghi
    12,1%
  • Ha ragione Tsipras che ha chiamato i greci a decidere sul loro futuro
    42,7%
  • L'unica soluzione è l'annullamento del debito
    11,8%
  • Questo scontro tra potere finanziario e popolo sarà l'inizio di una rivoluzione
    23,8%
  • Non ho un'idea precisa sul tema
    3,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Sarah Palin ironizza su Obama: non era contro le guerre di Bush?

L'esponente della destra repubblicana prende in giro la svolta bellicista del premio nobel: si opponeva a Bush ma adesso si comporta nello stesso modo.

Desk
domenica 1 settembre 2013 11:09

Provocazione di Sarah Palin nel dibattito per un possibile intervento militare americano in Siria: "Lasciamo che ci pensi Allah", ha scritto l'ex governatore dell'Alaska ed ex candidata alla vicepresidenza Usa sul suo profilo Facebook. In un post la Palin - esponente dell'ala dura della destra repubblicana - ha osservato che nel conflitto siriano "estremisti islamici sono contro un regime autoritario, con entrambe le parti che si gridano l'una contro l'altra: 'Allah Akhbar' (Allah è grande). E allora che ci pensi Allah".

Ma l'esponente repubblicana ha ironizzato soprattutto su Barack Obama, un "premio Nobel per la pace" che adesso "ha bisogno di ottenere l'approvazione del Congresso prima di portarci in guerra". Si tratta, ha osservato, delle "stesse guerre" lanciate a suo tempo da George W. Bush "a cui Obama ha veementemente detto di opporsi perché mancavano le prove che fossero in gioco gli interessi vitali dell'America".