Le ultime 10:

 
Meglio la piazza della Cgil o la Leopolda?
  • Tra la parte più debole della società e il potere sempre meglio schierarsi con i più deboli
    39,3%
  • I sindacati sono un rottame della storia, meglio la Leopolda
    7,9%
  • Meglio la modernità della Leopolda, con Renzi e Davide Serra
    3,9%
  • Con i lavoratori e la Cgil, sempre
    17,9%
  • Con il premier Renzi, ovunque vada
    3,5%
  • Meglio la Leopolda, ma depurata dai discorsi di Serra
    7%
  • Partita impari: la Leopolda ha dalla sua il sistema mediatico, la Cgil ce l'ha contro
    20,5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Josefa Idem si è dimessa

Nell'incontro di oggi pomeriggio con Letta la ministra ha ammesso: ho tenuto duro, ma la persona Josefa si sarebbe dimessa già giorni fa per le accuse aggressive.

Desk3
lunedì 24 giugno 2013 19:35

Josefa Idem si è dimessa. Oggi pomeriggio, nel corso di un incontro a Palazzo Chigi, la ministra per le Pari opportunità, lo Sport e le Politiche giovanili, ha presentato le sue dimissioni al Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, che le ha accolte, si legge in una nota.

Josefa Idem ha spiegato che «come ministra ho tenuto duro in questi giorni perchè in tanti mi avevano detto che questi momenti fanno parte del "gioco"», ma «la "persona" Josefa Idem, già da giorni invece, si sarebbe dimessa a causa delle dimensioni mediatiche sproporzionate della vicenda e delle accuse aggressive e violente, nonchè degli insulti espressi nei suoi confronti». «Quando sono salita dal presidente Letta - ha continuato nel comunicato diffuso da Palazzo Chigi - avevo già maturato la decisione di dimettermi, ma ho comunque voluto condividere con lui l'attenta valutazione del quadro venutosi a creare ed esporgli la scarsa rilevanza di quanto imputatomi. Confermo quindi le mie dimissioni, augurando buon lavoro al Presidente del Consiglio Enrico Letta al quale rinnovo la mia più profonda stima».