Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    7%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    7%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    12,9%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    7%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    12,9%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    32,2%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    4,1%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    17%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Coltivarsi l'erba si può, sentenza storica a Ferrara

Assolti due giovani arrestati perché avevano quattro piantine e otto grammi di cannabis. La Fini-Giovanardi è illegale. [Checchino Antonini]

Redazione
giovedì 21 marzo 2013 20:42

di Checchino Antonini

Non è reato coltivare marijuana a uso personale. Storica sentenza quella emessa ieri dal giudice Franco Attinà del tribunale di Ferrara. In aula c'erano due giovani arrestati dai carabinieri due settimane fa i carabinieri gli avevano trovato in casa quattro piante e otto grammi di marijuana.

Nel rito abbreviato, il loro difensore, Carlo Alberto Zaina di Ravenna, ha sollevato una questione di legittimità sull'art. 73 della Fini Giovanardi visto che gli stessi carabinieri avevano escluso che la detenzione fosse finalizzata alla vendita. La marijuana era destinata esclusivamente all'uso personale. Il sospetto di anticostituzionalità sta nell'equivalenza posta dai due dèmoni del proibizionismo nostrano tra cannabis, oppiacei e cocaina a dispetto delle direttive del Consiglio d'Europa che impediscono l'equiparazione tra droghe pesanti e droghe leggere. Identica questione di legittimità costituzionale è già stata sollevata dalla Corte d'Appello di Roma e sarà presto al vaglio della Corte Costituzionale.

Un'altra decisione del Consiglio d'Europa, del 2004, consente la non punibilità per un uso esclusivamente personale, laddove lo Stato lo ammetta (come l'Italia, appunto). Motivazioni accolte dal giudice che, come riporta l' informatissimoEstense.com, è andato anche oltre. Anziché sospendere il giudizio e rinviare il motivo di legittimità alla Corte Costituzionale, è entrato direttamente nel merito, assolvendo gli imputati perché il fatto non è previsto dalla legge come reato.