Le ultime 10:

 
Che cosa si può fare per impedire la strage di migranti nel mare Mediterraneo?
  • Niente
    2,1%
  • Ripristinare l'Operazione Mare nostrum
    2,8%
  • Abolire le frontiere, ripristinare la libera circolazione di esseri umani
    11,1%
  • Militarizzare le coste del Nord Africa per impedire la partenza
    45,6%
  • Sostenere le economie dei paesi più poveri del Sud del mondo
    8,6%
  • Smetterla come Occidente ricco di sostenere dittature utili solo a garantire gli interessi dell'Occidente ricco
    29,7%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Economy

Bce, oltre 103 miliardi di bond per salvare l'Italia

Sono italiani più della metà dei titoli di Stato finiti in mano alla Banca Centrale Europea tra il 2011 e il 2012. Seguono Spagna, Grecia e Portogallo.

Desk
giovedì 21 febbraio 2013 18:01

Fra il 2011 e il 2012, quando intervenne comprando i titoli di Stato dei Paesi in difficoltà, la Bce ha acquistato 102,8 miliardi di euro di bond italiani, la quota maggiore fra i Paesi dell'Eurozona beneficiari dell'Omt. Lo rivela la stessa Banca Centrale Europea. Seguono Spagna (44,3 miliardi), Grecia (33,9), Portogallo (22,8) e Irlanda (14,2).

La Banca centrale europea ha chiuso il 2012 con un utile netto di 998 milioni di euro, in rialzo dai 728 milioni del 2011. Il surplus è stato di 2,164 miliardi (1,894 nel 2011), di cui 1,166 miliardi messi a riserva a copertura dei rischi. Lo annuncia la stessa Bce dopo che il consiglio direttivo ha approvato i conti 2012. I margini netti realizzati dalla Bce sugli interessi raggiungono i 2,289 miliardi (1,999 miliardi nel 2011), di cui 1,108 miliardi dai titoli di Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Italia acquistati attraverso il programma 'Omt'. Dell'utile 2012 sono già stati girati 575 milioni alle banche centrali nazionali dell'Eurozona: i restanti 423 milioni saranno distribuiti il 25 febbraio.