Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Nel braccio di ferro tra la Troika e la Grecia qual è la vostra posizione?
  • A favore della Troika in difesa dell'unità europea
    5,1%
  • I debiti vanno pagati, la Grecia paghi
    12,2%
  • Ha ragione Tsipras che ha chiamato i greci a decidere sul loro futuro
    43,5%
  • L'unica soluzione è l'annullamento del debito
    11,7%
  • Questo scontro tra potere finanziario e popolo sarà l'inizio di una rivoluzione
    23,4%
  • Non ho un'idea precisa sul tema
    3,6%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Assad cerca asilo politico in America Latina

Lo scrive il quotidiano israeliano Haaretz: il dittatore cerca una via di fuga per sé, la sua famiglia e i collaboratori. Contatti con Cuba, Venezuela ed Ecuador.

Desk
mercoledì 5 dicembre 2012 13:52

Il presidente siriano Bashar al-Assad starebbe valutando l'ipotesi di chiedere asilo politico in un paese dell'America Latina per sé, i suoi familiari e la sua stretta cerchia di collaboratori, nel caso in cui fosse costretto alla fuga da Damasco. Lo sostiene il quotidiano israeliano Haaretz, secondo il quale il vice ministro siriano degli Esteri, Faisal al-Miqdad, ha avuto colloqui a Cuba, in Venezuela e in Ecuador nelle ultime settimane e ha consegnato ai leader locali alcune lettere di Assad.

Il ministero venezuelano degli Esteri ha confermato al quotidiano "el Universal" la consegna di una lettera di Assad al presidente Hugo Chavez, poco prima della sua partenza per Cuba, per un nuovo ciclo di cure. Ma fonti di Caracas contattate da Haaretz non hanno spiegato quale sia stata la risposta del presidente all'omologo siriano, limitandosi a precisare che il messaggio di Assad faceva leva «sui rapporti personali tra i due presidenti».

Negli ultimi giorni la situazione della sicurezza in Siria è precipitata e le violenze lambiscono sempre più da vicino la capitale Damasco, finora roccaforte del regime di Assad. Le agenzie dell'Onu hanno ordinato al loro personale "non essenziale" di lasciare il paese e hanno fortemente limitato gli spostamenti di chi rimane. A livello internazionale, è stata minacciata una reazione dura contro il regime se deciderà di fare ricorso alle sue armi chimiche.