Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Qual è il senso profondo della Festa della Liberazione?
  • Festeggiare la liberazione dal giogo nazifascista
    6,8%
  • Mantenere viva la memoria antifascista
    9,5%
  • Serve a ricordarci che la libertà va conquistata giorno dopo giorno
    16,2%
  • Si tratta di una festa che perde senso nel tempo
    6,8%
  • Non ha alcun senso, è una festa che divide gli italiani
    6,8%
  • Ci ricorda che dobbiamo sempre lottare contro chi ci priva di diritti e libertà
    54,1%

Colorazione e prodotti per la cura della pelle

Prenditi cura della tua pelle e dei tuoi capelli. Scopri la gamma di prodotti Garnier, per il tuo viso, il corpo, lo styling.

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Siria, i ribelli sono quasi a Damasco

Secondo testimoni giunti a Beirut, gli oppositori di Assad controllerebbero autostrada e aeroporto e sarebbero a sei chilometri dalla capitale.

Desk
martedì 4 dicembre 2012 16:38

I ribelli siriani che si oppongono al regime di Assad controllano la maggior parte dell'autostrada dell'aeroporto e sono avanzati nelle ultime 48 ore fino a circa sei km dal centro di damasco. Lo riferiscono testimoni oculari appena giunti a Beirut e che preferiscono rimanere anonimi per ragioni i sicurezza.

Lo scalo internazionale dista circa 30 km da Damasco e l'autostrada che collega la città con l'aeroporto è attraversata da sette cavalcavia. La posizione di ciascuna sopraelevata rispetto al centro cittadino serve ai locali per orientarsi lungo questa autostrada.

«Domenica i ribelli avevano preso il quinto ponte, ma ora sono arrivati al terzo», affermano le fonti, in riferimento al cavalcavia più prossimo alla città.