Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei su una spiaggia deserta, arriva un politico e apre l'ombrellone accanto al tuo: chi non vorresti che fosse
  • Matteo Renzi
    48,9%
  • Matteo Salvini
    33%
  • Giorgio Napolitano
    2,4%
  • Maria Elena Boschi
    2,4%
  • Angelino Alfano
    1,6%
  • Antonio Razzi
    3,1%
  • Matteo Orfini
    0,8%
  • Marianna Madia
    2,4%
  • Giuseppe Civati
    1,6%
  • Rosy Bindi
    3,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Episodi razzisti dopo l'elezione di Obama

I giornali americani raccontano che dopo l'elezione di Barack Obama come "rappresaglia" in due scuole si sono verificati episodi di razzismo.

Desk
venerdì 9 novembre 2012 17:53

E' successo in due scuole, quindi tra un pubblico giovane, e in due Stati diversi: Virginia e in Mississipi. Lo riportano notizie di stampa americana, quindi le reazioni di questo tipo potrebbero anche essere state più numerose.

Circa 40 studenti dell'Hampden-Sydney College, una scuola maschile della Virginia, hanno lanciato bottiglie ed insultato con epiteti razzisti alcuni ragazzi membri di un'organizzazione studentesca per le minoranze.

Un episodio condannato con forza dal presidente della scuola, il primo afroamericano a rivestire l'incarico, Christopher B. Howard, che si è detto "molto deluso" ed ha disposto l'avvio di indagini per chiarire quanto successo. "In questo campus non c'e' posto per il razzismo o per l'intolleranza", ha dichiarato con un comunicato.

Analoga "iniziativa" da parte degli studenti della University del Mississipi, che dopo l'annuncio della rielezione di Obama hanno cantato inni razzisti.