Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,7%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,5%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,8%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    5,7%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,6%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    71,5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Cocaina, in manette il capo delle Poste al Senato

La banda italo-albanese di Valmontone beccata dopo sette mesi di indagini. Tra i "personaggi illustri" anche un vigile e un autista.

redazione
martedì 25 settembre 2012 14:58

Una banda italo/albanese dedita allo spaccio di cocaina a Roma Sud. E tra i componenti "illustri" anche il direttore delle Poste del Senato Orlando Rinaldi, 53 anni, per il quale le manette sono scattate stamattina all'laba: in carcere sono finite 6 persone e 4 ai domiciliari.

Le indagini dei carabinieri di Valmontone, paese a sud di Roma, hanno permesso di evidenziare l'esistenza di una rete che vedeva negli albanesi i procuratori della droga, che poi pero' veniva smerciata e gestita - in tutta la parte "Roma sud" - dagli italiani. E degli insospettabili. Oltr e a Rinaldi, infatti, è stato arrestato un autista del Cotral - le linee dei bus regionali - Alessandro Mele, che secondo le accuse si serviva pure del mezzo pubblico per trasportare il prezioso bottino. La stessa accusa, cioè d aver utilizzato l'auto di servizio, viene contestata a Rinaldi

E poi c'è un vigile urbano di Valmontone, Stefano Gallo, che viene accusato di peculato.

L'indagine è durata sette mesi, e ha portato al sequestro di centinaia di dosi di cocaina e all'arresto di altre eprsone in flagranza di reato.

Commenti
  • Anonimo 25/09/2012 alle 21:25:20 rispondi
    Una vergogna marcia, e cosa pretendiamo dalla nostra soccieta che il marcio viene da chi ci governa è uno scandalo
  • Anonimo 26/09/2012 alle 23:32:06 rispondi
    commento
    Invidioso delle signore delle ASL(che vanno a fare la spesa con le auto di servizio)spacciava con le auto della polizia locale........e non venite a dirmi che i colleghi non sapevano....bella robba