Le ultime 10:

 
Se potessi esprimere un Non Mi Piace, a chi lo daresti tra questi candidati alle Europee?
  • Iva Zanicchi
    16%
  • Alessandro Cecchi Paone
    9,5%
  • Fabrizio Bracconeri
    9,2%
  • Davide Vannoni
    7%
  • Syusy Blady
    5,1%
  • Giorgia Meloni
    4,6%
  • Ylenia Citino
    2,7%
  • Alessandra Mussolini
    13,1%
  • Clemente Mastella
    25,5%
  • Moni Ovadia
    7,3%
Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Le Pen approfitta dell'Islam per attaccare gli ebrei

La leader estremista propone di vietare il velo negli spazi pubblici e di estendere il divieto anche alla Kippah, il copricapo ebraico. Una strumetalizzazione evidente.

redazione
venerdì 21 settembre 2012 13:50

La leader dell'estrema destra francese, Marine Le Pen, ha preso spunto dalle tensioni nel mondo musulmano per le vignette su Maometto e il film anti-Islam per chiedere di vietare il velo negli spazi pubblici, strade comprese. Secondo la presidente del Fronte Nazionale, il divieto deve riguardare "negozi, trasporti, strade" ed "è evidente che, se si vieta il velo, si vieta anche la kippah", il copricapo simbolo della religione ebraica. Al rientro dalla pausa estiva, la Le Pen ha concesso una lunga intervista a Le Monde in cui attacca anche i passati governi francesi, colpevoli - a suo dire - di lassismo nei confronti dei "gruppi fondamentalisti politico-religiosi", con i quali "non e' possibile alcune negoziato".

Sembra evidente che, mentre da un lato la Le Pen cavalca le posizioni anti-islam proprie di tutto il filone tradizionalista della destra radicale francese ed europea (che poi, esasperando i concetti,i è stata la scaturigine della follia omicida del norvegese Breivik) abbia approfittato di una malcelata par condicio per andare contro la comunità ebraica. Del resto chiunque facilmente comprende che proporre il divieto di portare la kippah è solo un pretesto per trovare una scusa legale di manifestare un indubbio antisemitismo.

Torna alla home

Commenti
  • Anonimo 24/09/2012 alle 16:21:21 rispondi
    Un'occasione per proibire quella pratica inumana mostruosa che è la circoncisione dei munorenni