Le ultime 10:

 
Dopo la scivolata razzista Tavecchio può diventare presidente della Figc?
  • Assolutamente no, si dovrebbe dimettere anche da gli altri incarichi
    71,3%
  • No, anche se una frase sbagliata da sola non significa razzismo
    10%
  • Sì, perché è competente di calcio
    1,9%
  • Sì, perché è tutta una strumentalizzazione
    10%
  • Non so: affari loro non mi interessa il calcio
    6,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Estorsioni in Puglia, arrestati anche quattro carabinieri

Coinvolte 16 persone. I militari svolgevano funzioni di appoggio a una banda di criminali dedita a estorsioni ai negozianti e che avrebbe compiuto un omicidio.

Desk
martedì 18 settembre 2012 15:53

Tra le 16 persone arrestate oggi nel foggiano ci sono anche quattro carabinieri in servizio a Lucera. I carabinieri arrestati svolgevano "funzioni di appoggio" a un gruppo criminale, dedito alle estorsioni ai negozianti, gruppo che avrebbe anche compiuto l'omicidio del componente di una banda rivale. I sedici sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione dei reati di concorso in omicidio premeditato, estorsione, incendio, danneggiamento aggravato, minacce e favoreggiamento reale. Le indagini erano state avviate dopo l'omicidio di Fabrizio Pignatelli, il 30 agosto dello scorso anno, ucciso a colpi di pistola mentre si trovava nei pressi del suo circolo privato, Atlantic City.

Nel corso delle indagini è emersa l'esistenza di un gruppo criminale che avrebbe imposto l'acquisto dei propri prodotti ittici e ortofrutticoli ad un ristorante e ad un bar caffetteria. Imposizioni finalizzate ad impoverire i titolari dei localiper poi assumere la gestione o il controllo degli esercizi commerciali. Estorsioni che hanno costretto uno dei commercianti ad abbandonare Lucera e ad andare a lavorare nel nord Italia come cameriere in uno stabilimento balneare. Gli investigatori hanno anche sottolineato che i carabinieri, all'epoca dei fatti in servizio alla compagnia di Lucera, avrebbero rallentato e depistato le indagini, non consentendo la cattura di uno degli indagati, già coinvolto in una precedente operazione della polizia.