Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Qual è il senso profondo della Festa della Liberazione?
  • Festeggiare la liberazione dal giogo nazifascista
    6,7%
  • Mantenere viva la memoria antifascista
    9,4%
  • Serve a ricordarci che la libertà va conquistata giorno dopo giorno
    16,1%
  • Si tratta di una festa che perde senso nel tempo
    6,7%
  • Non ha alcun senso, è una festa che divide gli italiani
    6,7%
  • Ci ricorda che dobbiamo sempre lottare contro chi ci priva di diritti e libertà
    54,4%

Colorazione e prodotti per la cura della pelle

Prenditi cura della tua pelle e dei tuoi capelli. Scopri la gamma di prodotti Garnier, per il tuo viso, il corpo, lo styling.

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Estorsioni in Puglia, arrestati anche quattro carabinieri

Coinvolte 16 persone. I militari svolgevano funzioni di appoggio a una banda di criminali dedita a estorsioni ai negozianti e che avrebbe compiuto un omicidio.

Desk
martedì 18 settembre 2012 15:53

Tra le 16 persone arrestate oggi nel foggiano ci sono anche quattro carabinieri in servizio a Lucera. I carabinieri arrestati svolgevano "funzioni di appoggio" a un gruppo criminale, dedito alle estorsioni ai negozianti, gruppo che avrebbe anche compiuto l'omicidio del componente di una banda rivale. I sedici sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione dei reati di concorso in omicidio premeditato, estorsione, incendio, danneggiamento aggravato, minacce e favoreggiamento reale. Le indagini erano state avviate dopo l'omicidio di Fabrizio Pignatelli, il 30 agosto dello scorso anno, ucciso a colpi di pistola mentre si trovava nei pressi del suo circolo privato, Atlantic City.

Nel corso delle indagini è emersa l'esistenza di un gruppo criminale che avrebbe imposto l'acquisto dei propri prodotti ittici e ortofrutticoli ad un ristorante e ad un bar caffetteria. Imposizioni finalizzate ad impoverire i titolari dei localiper poi assumere la gestione o il controllo degli esercizi commerciali. Estorsioni che hanno costretto uno dei commercianti ad abbandonare Lucera e ad andare a lavorare nel nord Italia come cameriere in uno stabilimento balneare. Gli investigatori hanno anche sottolineato che i carabinieri, all'epoca dei fatti in servizio alla compagnia di Lucera, avrebbero rallentato e depistato le indagini, non consentendo la cattura di uno degli indagati, già coinvolto in una precedente operazione della polizia.