Le ultime 10:

 
Che cosa si può fare per impedire la strage di migranti nel mare Mediterraneo?
  • Niente
    8,1%
  • Ripristinare l'Operazione Mare nostrum
    17,6%
  • Abolire le frontiere, ripristinare la libera circolazione di esseri umani
    28,4%
  • Militarizzare le coste del Nord Africa per impedire la partenza
    18,9%
  • Sostenere le economie dei paesi più poveri del Sud del mondo
    8,1%
  • Smetterla come Occidente ricco di sostenere dittature utili solo a garantire gli interessi dell'Occidente ricco
    18,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Le sigarette elettroniche fanno male ai polmoni

Una ricerca dell'Università di Atene dimostra che le sigarette elettroniche, che forniscono nicotina attraverso vapore, causato l'immediato aumento della resistenza delle vie aeree.

Desk
mercoledì 5 settembre 2012 10:51

Le sigarette elettroniche, ritenute un'alternativa potenzialmente sicura alle normali sigarette, possono in realtà causare danni ai polmoni. A dirlo è una ricerca presentata durante il congresso annuale di Vienna della European Respiratory Society. Le sigarette elettroniche sono dispositivi che forniscono nicotina attraverso un vapore, piuttosto che attraverso il fumo. In questo modo, non c'e' combustione, anche se la nicotina presente nel dispositivo è pur sempre un derivato del tabacco.

Ricercatori dell'Università di Atene hanno analizzato gli effetti a breve termine dell'uso delle sigarette elettroniche: lo studio ha coinvolto otto persone che non avevano mai fumato e 24 fumatori, dei quali 11 con funzione polmonare normale e 13 con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) o asma. Ogni volontario ha utilizzato una sigaretta elettronica per circa 10 minuti e i ricercatori hanno poi misurato la resistenza delle vie aeree mediante una serie di test. I risultati hanno mostrato che la sigaretta elettronica ha causato un immediato aumento della resistenza delle vie aeree: nei soggetti che non avevano mai fumato si è verificato un aumento statisticamente significativo della resistenza delle vie aeree fra il 182 e il 206 per cento. Nei fumatori con spirometria normale c'è stato un aumento dal 176 al 220 per cento, mentre non si sono verificati significativi nei fumatori con Bpco e asma.