Le ultime 10:

 
Venezia 71: Il film italiano più atteso
  • Il Giovane favoloso di Mario Martone
    9,3%
  • Hungry Hearts di Saverio Costanzo
    6,6%
  • Anime Nere di Francesco Munzi
    6,6%
  • I nostri ragazzi di Ivano De Matteo
    8,6%
  • Pasolini di Abel Ferrara
    27,2%
  • Perez di Edoardo De Angelis
    7,3%
  • La zuppa del demonio di Davide Ferrario
    11,3%
  • Italy in a day di Gabriele Salvatores
    10,6%
  • La trattativa di Sabina Guzzanti
    12,6%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Cnn in crisi nera, crollano gli ascolti

Ad aprile i peggiori dati negli ultimi 10 anni per il canale di informazione. Dopo Fox News anche Msnbc rischia di superarlo. I nuovi volti non sono serviti al rilancio.

Desk
giovedì 3 maggio 2012 09:40

La crisi della Cnn non si arresta e gli ascolti continuano a calare. Neanche i nuovi volti scelti per rilanciare il canale di informazione sono riusciti a invertire il trend. Secondo i dati Nielsen aprile è stato un mese nero per il canale tv, con una media di 357.000 telespettatori: il peggiore degli ultimi dieci anni. E come non bastasse, dopo essere stati sorpassati da Fox News in cima agli ascolti fra i canali via cavo Cnn sta per scivolare al terzo posto, superata anche da Msnbc, che l'ha battuta per telespettatori nel prime time per 22 degli ultimi 24 mesi.

Sotto forte pressioni i vertici del canale. Scrive infatti il New York Times che Jeffrey Bewkes, l'amministratore delegato di Time Warner, la società a cui fa capo Cnn, avrebbe chiesto di effettuare cambi per il rilancio, mettendo in difficoltà Jim Walton, a cui fa capo la supervisione di tutte le reti Cnn, e il suo capo, Phil Kent, numero uno della divisione Turner Broadcasting di Time Warner.

Come ha teorizzato lo scorso anno uno dei suoi dipendenti Cnn somiglia sempre più a un «pronto soccorso». Una metafora, scrive il New York Times, per spiegare che durante le elezioni o esplosioni il pubblico televisivo corre alla Cnn con la stessa fretta con cui si va al pronto soccorso in caso di attacco cardiaco.