Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei su una spiaggia deserta, arriva un politico e apre l'ombrellone accanto al tuo: chi non vorresti che fosse
  • Matteo Renzi
    16%
  • Matteo Salvini
    18,5%
  • Giorgio Napolitano
    5,9%
  • Maria Elena Boschi
    9,2%
  • Angelino Alfano
    4,2%
  • Antonio Razzi
    13,4%
  • Matteo Orfini
    4,2%
  • Marianna Madia
    9,2%
  • Giuseppe Civati
    5%
  • Rosy Bindi
    14,3%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Strage di cristiani in Africa

Otto morti e molti feriti in Nigeria e in Kenya durante la messa domenicale. Attacchi con bombe. Si ipotizza una matrice islamista.

redazione
domenica 29 aprile 2012 13:06

Non si fermano gli attacchi alla comunità cristiana in Africa. Una granata è esplosa all'interno di una chiesa di Nairobi, in Kenya. Un prete è rimasto ucciso, dieci fedeli sono feriti. Ma il bilancio delle vittime è provvisorio. L'attentato di oggi è l'ultimo di una lunga serie di piccolo attacchi registrati nel paese africano da quando Nairobi ha inviato le sue truppe nella confinante Somalia lo scorso ottobre, in reazione ad incursioni da parte dei militanti somali di gruppi legati ad al Qaeda in territorio keniota.

Ma anche la Nigeria è scossa da continui attentati. Una serie di esplosioni, infatti, hanno colpito l'università Bayero a Kano, nel nord del Paese. Una di queste ha ucciso almeno otto persone nella sala dove si stava celebrando la messa. Lo ha reso noto il capo della polizia locale, Ibrahim Idris, precisando che vi è un numero ancora non precisato di feriti. Il timore dell'intelligence Usa che sia nella fase finale di preparazione un attacco in grande stile, tipo quelli contro le ambasciate Usa in Kenya e Tanzania nel 1998.