Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei su una spiaggia deserta, arriva un politico e apre l'ombrellone accanto al tuo: chi non vorresti che fosse
  • Matteo Renzi
    67%
  • Matteo Salvini
    12%
  • Giorgio Napolitano
    2,6%
  • Maria Elena Boschi
    2,8%
  • Angelino Alfano
    1,7%
  • Antonio Razzi
    3,9%
  • Matteo Orfini
    1,1%
  • Marianna Madia
    2,6%
  • Giuseppe Civati
    1,3%
  • Rosy Bindi
    5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Vendola critica Monti: ricette fallimentari

Per il leader di Sel le riforme di Monti, in linea con gli economisti europei, stanno impoverendo il Paese, creando una frattura nel ceto medio. "Aumenta lo spread sociale".

redazione
domenica 29 aprile 2012 12:42

«Le ricette del governo Monti sono fallimentari», così il governatore della Regione Puglia Nichi Vendola, al margine di un'iniziativa elettorale, in vista delle amministrative, a Gorizia. «Neanche lo spread è riuscito a calare e soprattutto aumenta drammaticamente lo spread sociale - ha proseguito il leader di Sel - La verità è che la povertà del ceto medio non può essere mai una buona ricetta».

Vendola ha poi suggerito le sue di ricette: la giustizia sociale, la patrimoniale sui ricchi e anche la tassazione sulle transazioni finanziarie. «Tutto quello che i tecnocrati non prendono neppure in considerazione». «Credo che la ribellione che gli economisti stanno immaginando di organizzare contro questa Europa dell'austerità - ha proseguito il governatore - sta devastando non solo la trama della protezione sociale e del welfare, ma sta impoverendo il continente, non riuscendo a venire a capo del problema del debito».