Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    7,1%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    5,3%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    17,3%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    6,2%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    10,2%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    33,6%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    5,3%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    15%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Il tour di Lady Gaga parte da Seul tra le proteste dei cristiani

Migliaia di fan per la prima tappa del "Born this way tour". Ma anche la protesta degli attivisti cristiani sudcoreani che accusano la cantante di "promuovere la pornografia".

Desk
sabato 28 aprile 2012 11:00

Le contestazioni a Seul per il concerto di Lady Gaga
Le contestazioni a Seul per il concerto di Lady Gaga

Il tour mondiale di Lady Gaga, "Born this way", è partito tra decine di migliaia di fan in delirio ma anche proteste. La popstar si è esibita in uno stadio Olimpico tutto esaurito ma con un pubblico di soli adulti perché le autorità locali avevano vietato l'ingresso ai minori di 18 anni.

Davanti all'impianto e in altre zone della della capitale sudcoreana attivisti cristiani hanno contestato il concerto denunciando che Stefani Joanne Germanotta "promuove l'omosessualità e la pornografia". Il tour mondiale prevede 110 concerti in Asia ed Europa (per l'Italia ci sarà una serata a Milano), sull'onda del successo del cd "Born this way" che ha venduto sei milioni di copie in un anno.